Covid ultime 24h
casi +31.758
deceduti +297
tamponi +215.886
terapie intensive +97

L’artista che crea macabri fotomontaggi con i selfie scattati sul memoriale dell’Olocausto

Shahak Shapira è un artista israeliano che ha realizzato un progetto fotografico forte e disturbante per combattere il turismo irrispettoso nei confronti degli ebrei morti nella shoah

Di Camilla Palladino
Pubblicato il 24 Gen. 2018 alle 12:03 Aggiornato il 24 Gen. 2018 alle 12:04
1.9k

Il turismo del macabro è una abitudine diffusa con cui, da alcuni anni, si devono fare i conti.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Nello specifico, si tratta di un tipo di turismo in cui le persone si recano nei luoghi dove sono avvenuti atroci delitti, genocidi, catastrofi ambientali o qualsiasi avvenimento significativo e inquietante, soltanto per il gusto di vedere lo scenario di un delitto o per scattarsi fotografie.

Leggi anche: Come Chernobyl è diventata un’attrazione per i turisti attirati da scenari macabri e post apocalittici

A questa tendenza ha voluto ribellarsi Shahak Shapira, un artista israeliano che attualmente vive a Berlino.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Nella capitale tedesca, infatti, si trova il Memoriale per gli ebrei assassinati d’Europa, e su di esso ogni giorno si posizionano decine di turisti intenti a scattarsi selfie allegri e festanti.

Il progetto di Shapira consiste nel “rubare” queste foto dagli account Instagram delle persone, per poi modificarle con photoshop e rimetterle online sul suo sito: Yolocaust, nome nato dall’unione di Holocaust e YOLO (acronimo di You Only Live Once).

D’un tratto i soggetti sorridenti, che giocano intorno ai blocchi di calcestruzzo nel cuore di Mitte, si ritrovano a sorridere sopra corpi scheletrici, cadaveri, ebrei stipati nei lager, volti scavati di prigionieri, fosse comuni.

Il risultato è una gallery fotografica inquietante, macabra e disturbante, che arriva dritta al punto: non c’è niente da scherzare sul ricordo di un passato che ha provocato morte, distruzione e sofferenza.

Il progetto ha creato non poche critiche per il fatto che l’artista, pubblicando le foto con i volti riconoscibili, abbia esposto alla gogna mediatica gli autori dei selfie.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

1.9k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.