Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

La maestosa bellezza degli alberi più antichi al mondo

Beth Moon ha trascorso 14 anni alla ricerca degli alberi più grandi, più antichi e con la storia più impressionante al mondo, per riscoprire il legame con la natura

Di Emma Zannini
Pubblicato il 23 Ott. 2017 alle 12:48 Aggiornato il 4 Feb. 2018 alle 16:36
740

La fotografa statunitense Beth Moon negli ultimi quattordici anni ha girato il mondo alla ricerca degli alberi più antichi esistenti, alcuni dei quali hanno ben più di mille anni. Alla fine del progetto ha raccolto sessanta immagini in un libro intitolato Ancient Trees: Portraits of Time, in cui gli alberi si distinguono per dimensioni immense, età e storia notevoli.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Per trovare questi luoghi si è basata su di una serie di ricerche fatte tramite libri di storia e di botanica, racconti di viaggiatori, articoli di giornali, e quasi sempre si trattava di posti inaspettati, con alberi cresciuti a dismisura senza curarsi di ciò che nel tempo li circondava. Proprio l’essere situati in luoghi distanti, al di fuori della civiltà, ne ha garantito la sopravvivenza: ad esempio ci sono sei specie di baobab che esistono solamente in Madagascar.

Ha fotografato sequoie, pini, alberi di Giosué sulla costa ovest degli Stati Uniti e molti altri tipi di alberi in Sudafrica, Madagascar, Yemen e Israele.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Sono alberi simbolici, secondo la fotografa, che resistono ponendosi come i monumenti più grandi e più antichi tuttora viventi, molti dei quali sono a rischio di distruzione. In mezzo a tutti i tentativi odierni di trovare altre vie per vivere con l’ambiente che ci circonda, riscoprire il legame con il mondo naturale e percepirne tutta la temporalità atavica possono costituire dei punti di partenza fondamentali.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

740
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.