Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Denunciò le bugie della Cina sul Covid, ora rischia di morire in carcere: “È in fin di vita”

Immagine di copertina

L’attivista che denunciò le bugie della Cina sul Covid rischia di morire in carcere

Rischia di morire in carcere Zhang Zhan, l’attivista che denunciò le bugie della Cina sul Covid e che, proprio per questo motivo, è stata arrestata e successivamente condannata a quattro anni di reclusione con l’accusa di aver divulgato “informazioni false” sulla riposta delle autorità alle fasi iniziali dell’epidemia di Coronavirus e di aver creato disordini in seguito alla pubblicazione delle notizie da lei riportate.

“Rischia di morire se non viene rilasciata urgentemente per ricevere cure mediche”: a lanciare l’appello è Amnesty International, secondo cui la blogger ed ex avvocato 38enne è ormai in fin di vita dopo un lunghissimo sciopero della fame che l’ha portata a pesare meno di 40 chili.

Nei suoi post, Zhang Zhan, che nel febbraio 2020 si recò personalmente a Wuhan, città epicentro dell’epidemia di Coronavirus, mostrava le immagini dei corridoi ospedalieri strapieni di pazienti ai quali veniva somministrato l’ossigeno sostenendo che alle persone fossero stati addebitati i costi delle cure anti-Covid che teoricamente dovevano essere gratuite. L’attivista, inoltre, denunciò l’arresto di molti giornalisti indipendenti e le pressioni esercitate dalle autorità sulle famiglie dei pazienti affetti dal virus.

A denunciare le precarie condizioni di salute della blogger è stata la famiglia: il fratello di Zhang Zhan, infatti, ha scritto su Twitter che la donna “potrebbe non sopravvivere all’inverno”.

Secondo l’Afp, la famiglia avrebbe chiesto più volte di poter incontrare la 38enne nel carcere di Shanghai dove è detenuta, senza però mai ricevere alcuna risposta dalle autorità.

Amnesty International ha chiesto il “rilascio immediato” di Zhang Zhan al fine di poter permettere alla donna di ricevere le cure necessarie senza le quali “rischia di morire”.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda