Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Wikileaks pubblica le email del direttore della Cia

Immagine di copertina

I documenti privati di John Brennan sono stati ottenuti da uno studente delle superiori statunitense

Wikileaks ha iniziato a pubblicare documenti che apparterrebbero a un account email personale di John Brennan, direttore della Cia. Sei documenti sono già stati resi disponibili in rete.

Alcuni danno informazioni personali, altri contengono informazioni sulle relazioni Stati Uniti-Iran e le pratiche di tortura sui detenuti di guerra.

I documenti sarebbero stati ottenuti da uno studente delle superiori americano, Dean Boyd, che ha detto di essere penetrato nell’account email di Brennan sul sito Aol. Lo studente ha hackerato la casella di posta elettronica fingendosi un impiegato della compagnia telefonica Verizon.

Al telefono con il New York Post, lo studente ha specificato che non è musulmano e che l’ha fatto perché è contrario alla politica estera degli Stati Uniti. 

La Cia ha condannato l’operato dello studente Dean Boyd. Un portavoce, le ha definite un “crimine” commesso con “intenzioni maliziose”. La Cia ha detto che non c’era alcun documento classificato fra quelli pubblicati. “In effetti”, ha detto lo stesso Boyd, “sembrano documenti che un singolo cittadino interessato ed esperto di sicurezza nazionale potrebbe avere prevedibilmente”.

I documenti risalgono al 2009, quando Brennan si stava per candidare come consigliere per l’antiterrorismo alla Casa Bianca. In quell’anno, Brennan lavorava nel settore privato quando era a capo di una sua agenzia privata, The Analysis Corp.

Quel periodo, ha detto Wikileaks, coincide con “molte delle principali strategie politiche dell’amministrazione Obama” in Cina, Iran, Afghanistan, e Pakistan.

L’FBI e i Servizi segreti stanno investigando sull’intrusione informatica nell’account email di Brennan. Negli scorsi anni, Wikileaks ha pubblicato diversi documenti segreti sul governo degli Stati Uniti, come dei messaggi scambiati fra diplomatici americani in giro per il mondo.

John Brennan è diventato direttore della CIA nel 2013, dopo quattro anni come consigliere di Obama per la sicurezza nazionale e l’antiterrorismo. Wikileaks ha annunciato che nei prossimi giorni verrano pubblicati altri documenti che lo riguardano.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”