Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Due soldati russi sono stati uccisi in Siria

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Mosca sta aiutando l'esercito siriano a portare avanti un'offensiva contro la città di Deir ez-Zor, che si trova sulla riva destra del fiume Eufrate, non lontano dal confine iracheno

Due militari russi sono stati uccisi nella provincia di Deir ez-Zor dopo che i miliziani del sedicente Stato Islamico hanno attaccato a colpi di mortaio il convoglio che stavano scortando. A riferirlo è stata l’agenzia di stampa Reuters, che cita fonti del ministero della Difesa russo.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook, ecco come. Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera 

Il convoglio trasportava personale militare di Mosca verso le zone cuscinetto create a seguito dell’accordo per un cessate il fuoco in vigore in alcune zone del paese mediorientale.

Uno dei soldati è morto sul colpo e l’altro è stato trasportato in ospedale dopo aver subito gravi lesioni, il militare però è morto a subito dopo. Entrambi i soldati sono stati insigniti di riconoscimenti militari postumi, secondo quanto riferiscono il comando militare russo in Siria e il ministero della Difesa di Mosca.

Il Cremlino è impegnato in Siria dal 2015 a fianco del regime di Bashar al-Assad. Al momento Mosca sta aiutando l’esercito siriano a portare avanti un’offensiva contro la città di Deir ez-Zor, che si trova sulla riva destra del fiume Eufrate, non lontano dal confine iracheno.

Damasco non ha mai perso il controllo della città, ma, insieme ai 93mila civili che la abitano, la guarnigione al suo interno, ancora fedele ad Assad, è sottoposta da quasi due anni a un assedio da parte dei miliziani dell’Isis.

La città sull’Eufrate risulta al momento divisa tra i quartieri centrali in mano alle forze governative e quelli più periferici controllati dal sedicente Stato Islamico.

I miliziani di al-Baghdadi per oltre 20 mesi hanno controllato l’intera provincia al confine con l’Iraq, ma adesso sono in ritirata di fronte all’avanzata da est dell’esercito di Baghdad, da sud delle forze di Damasco, alleate dell’Iran, di Hezbollah e della Russia e a nord dalla coalizione arabo-curda sostenuta dagli Stati Uniti e dall’Occidente.

– LEGGI ANCHECosa sta succedendo in Siria sud occidentale

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “La pandemia poteva essere evitata”: l’inchiesta indipendente che riscrive la storia del Covid
Esteri / Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non era stato invitato al party”
Esteri / Moni Ovada: “Sono ebreo ma Israele fa una politica infame e strumentalizza la Shoa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “La pandemia poteva essere evitata”: l’inchiesta indipendente che riscrive la storia del Covid
Esteri / Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non era stato invitato al party”
Esteri / Moni Ovada: “Sono ebreo ma Israele fa una politica infame e strumentalizza la Shoa”
Esteri / India, attore 35enne muore di Covid e lascia un video di denuncia: “Sarei sopravvissuto con cure giuste”
Esteri / Ora è guerra Hamas-Israele: “Lanciati oltre 200 razzi”. Netanyahu: “Continueremo a colpire”
Esteri / Unicef: "Sono i bambini di Gaza a pagare il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli
Esteri / Per la prima volta una donna alla guida del Washington Post: la nuova direttrice è Sally Bazbee
Esteri / Cipro, peschereccio italiano speronato da barche turche
Esteri / L’Lsd sarà legale negli Usa: “Può curare malattie mentali gravi”