Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gli Usa invieranno altri mille soldati in Medio Oriente

Immagine di copertina

Usa | Medio Oriente | Iran | Altri soldati

Gli Stati Uniti invieranno altri mille soldati in Medio Oriente. È quanto riferisce oggi il Centcom (lo United States Central Command, uno Unified Combatant Command delle forze armate statunitensi). Il segretario alla Difesa pro tempore Patrick Shanahan ha approvato lo spiegamento di ulteriori truppe da mandare nell’area. Il via libera è arrivato in un momento in cui le tensioni con l’Iran stanno aumentando.

Usa | Altri mille soldati in Medio Oriente | Le tensioni con l’Iran

“Ho autorizzato ulteriori mille truppe per scopo difensivo per affrontare le minacce in Medio Oriente” su richiesta del Central Command, ha affermato il segretario alla Difesa pro tempore americano. E ha aggiunto: “I recenti attacchi iraniani validano l’intelligence che abbiamo ricevuto sul comportamento ostile delle forze iraniane, che minacciano il personale e gli interessi americani nell’area”.

> Perché lo stretto di Hormuz è così importante e chi vuole scatenare una guerra

La notizia dell’invio di ulteriori arriva a pochi giorni dall’attacco a due petroliere nel Golfo di Oman, con gli Stati Uniti che hanno accusato Teheran. Il presidente Usa Donald Trump ha apertamente dichiarato di considerare Iran responsabile dell’attacco. E prima di lui era stato il segretario di stato Mike Pompeo a puntare il dito contro Teheran affermando che “sono loro i responsabili” e che il loro obiettivo era “colpire gli alleati degli Stati Uniti”. Per accusare l’Iran gli Usa hanno anche pubblicato un video. Dopo gli americani anche l’Arabia Saudita ha duramente criticato l’Iran.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco