Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Usa: “Vogliamo una coalizione internazionale per difendere le petroliere tra Yemen e Iran”

Immagine di copertina

Usa coalizione internazionale Stretto Hormuz | Stretto di Hormuz | Iran | Stati Uniti |Trump

Gli Stati Uniti vogliono creare una coalizione militare internazionale tra diversi Paesi per proteggere le petroliere che viaggiano nelle acque dello stretto di Hormuz, e l’area intorno all’Iran e allo Yemen. La zona più importante da proteggere è proprio quella dello Stretto da cui passano le principali rotte commerciali del petrolio. Una risposta all’Iran “a scopo difensivo”.

Questa la soluzione secondo il generale della Marina Joseph Dunford che alla BBC ha dichiarato: “Serve per garantire la libertà di navigazione delle petroliere”. Il generale ha inoltre spiegato che sono in corso colloqui tra gli Stati Uniti e una serie di altri Paesi che hanno mostrato la “volontà politica” di sostenere questo progetto.

Usa coalizione internazionale Stretto Hormuz | Gli Stati Uniti si occuperanno del “comando e del controllo” delle navi, mentre altri Paesi forniranno le imbarcazioni per pattugliare l’area. “I militari americani – ha precisato – lavoreranno direttamente con gli eserciti per individuare le capacità specifiche di ogni Paese in grado di sostenere il progetto”.

Il capo dello stato maggiore Dunford si riferisce agli attacchi alle petroliere del 13 giugno scorso, avvenute nello stretto di Hormuz, di cui gli Stati Uniti hanno accusato l’Iran. Accusa che Teheran ha respinto al mittente.

Nel frattempo è scoppiata tra i due una polemica sul nucleare. Il 7 luglio l’Iran ha annunciato di voler ridurre gli obblighi previsti dall’accordo sul nucleare del 2015, aumentando il livello di arricchimento d’uranio oltre il 3,67 per cento stabilito. Teheran ha dato un ultimatum all’Europa, a cui chiede di potenziare lo strumento finanziario Instex per aggirare le sanzioni americane e permettere gli scambi economici fra l’Europa e l’Iran.

Intanto, dopo l’annuncio di Teheran, l’Aiea, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, si riunirà oggi pomeriggio in via straordinaria per discutere del programma nucleare iraniano. Il vertice era stato chiesto dall’ambasciatrice degli Stati Uniti a Vienna, Jackie Wolcott e adesso si attendono i primi riscontri.

Perché lo stretto di Hormuz è così importante e chi vuole scatenare una guerra

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”