Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Usa, assalto al Congresso: spunta il piano per un colpo di Stato anti-Biden

Immagine di copertina
Credit: EPA/MICHAEL REYNOLDS

Usa, assalto al Congresso: spunta il piano per un colpo di Stato anti-Biden

Il giorno prima dell’assalto al Congresso degli Stati Uniti, all’interno dell’amministrazione circolava un piano dettagliato per far rimanere Donald Trump alla presidenza, nonostante la sconfitta alle elezioni di novembre 2020. Il documento è tra i materiali consegnati dall’ex capo di gabinetto di Trump, Mark Meadows, alla commissione del Congresso che indaga sui disordini del 6 gennaio scorso, quando migliaia di sostenitori di Trump fecero irruzione nella sede del parlamento statunitense.

Il piano è delineato in una presentazione lunga 38 slide dal titolo “Frode elettorale, interferenze straniere e opzioni per il 6 gennaio”. Il Power Point, che secondo il Guardian era stato presentato ad alcuni parlamentari repubblicani il 4 gennaio, era in possesso di Meadows almeno il giorno precedente all’assalto al Campidoglio, in cui persero la vita cinque persone e rimasero feriti più di 100 agenti. Il piano conteneva diverse indicazioni per fare in modo che Trump continuasse a occupare la presidenza per un secondo mandato nonostante la sconfitta contro il candidato democratico Joe Biden.

Secondo il quotidiano britannico, il piano prevedeva che in primo luogo senatori e membri del Congresso fossero informati di interferenze straniere nelle operazioni elettorali, per consentire a Trump di dichiarare un’emergenza nazionale. A quel punto, il presidente uscente avrebbe ordinato di invalidare i voti elettronici, chiedendo al Congresso di trovare una soluzione. Nella presentazione, si ipotizzava un ruolo per Mike Pence, il vice presidente, che secondo la costituzione statunitense presiede alla certificazione del risultato delle elezioni presidenziali. In base al piano, Pence avrebbe potuto influire sulla nomina dei grandi elettori o ritardare la certificazione per consentire il conteggio dei soli voti ritenuti “legali”. A inizio gennaio, le accuse di frode elettorale rivolte da Trump erano già state giudicate pretestuose dal procuratore generale Bill Barr e dal suo successore Jeff Rosen, incaricati dal presidente di indagare sulla teoria di una manipolazione del voto dopo la sconfitta alle elezioni.

In particolare secondo il New York Times Rosen non accolse le richieste dello stesso Meadows di indagare su una teoria cospirazionista diffusa online che avrebbe coinvolto anche l’Italia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra