Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Stati Uniti, Trump tentò un golpe contro Biden: adesso è ufficiale (di A. Stille)

Immagine di copertina

Due terzi degli elettori repubblicani hanno ancora fiducia in Donald Trump. I suoi indici di approvazione sono aumentati di 10 punti dal 6 gennaio, quando incoraggiò una folla inferocita a prendere d’assalto Washington. E ciò che è più scioccante è che da quella rivolta sono emerse molte informazioni sul fatto che Trump abbia tentato di ribaltare l’elezione di Biden, sostanzialmente smantellando il sistema democratico negli Stati Uniti.

Sebbene la responsabilità legale di Trump per l’insurrezione sia oggetto di controversie, ci sono molti fatti accertati e fuori discussione. Il presidente uscente invitò i funzionari repubblicani del Michigan a de-certificare i risultati delle elezioni che consegnavano a Biden la vittoria in quello Stato con un margine di oltre 150mila voti. Esercitò pressioni sul segretario di Stato repubblicano della Georgia, intimandogli – in una telefonata che è stata registrata – di “trovare 10.700 voti” per dichiarare Trump vincitore. Inoltre, cercò di costringere il Dipartimento di Giustizia ad annunciare un’inchiesta che sarebbe servita come pretesto in vari Stati chiave per annullare i risultati delle elezioni.

Dopo aver incassato due rifiuti, Trump trovò un funzionario di medio livello, Jeffrey Clark, disposto a stare al gioco: Clark scrisse una lettera in cui si affermava che in Georgia che c’erano “serie preoccupazioni” per i risultati delle elezioni. Il piano fallì solo perché in una lunga e tesa riunione alla Casa Bianca il ministro e molti dei suoi vice minacciarono di dimettersi in massa.

Abbiamo appreso poi che l’allora vicepresidente Mike Pence fu molto vicino ad accettare di non convalidare l’elezione di Biden. Secondo un nuovo libro di Bob Woodward (il giornalista del caso Watergate), Pence chiamò l’ex vicepresidente Dan Quayle per un consiglio: Quayle gli rispose che ciò che gli era stato chiesto di fare era chiaramente illegale.

I repubblicani hanno reagito a queste rivelazioni senza scomporsi: il sistema ha funzionato, Trump ha fallito, nessun problema. Ma tentare di manomettere le elezioni è un crimine molto grave: progettare un colpo di Stato è tradimento. Il fatto che Trump abbia fallito non rende il suo comportamento meno criminale. Perché l’ex presidente non è sotto processo? La risposta va cercata nell’opinione pubblica: la maggioranza degli elettori repubblicani – contro ogni evidenza – crede che le elezioni del 2020 siano state rubate. Otto su dieci credono che il sistema politico sia “contro i conservatori” e che “potremmo dover usare la forza per salvare” il tradizionale stile di vita americano. Visto in quella luce, il tradimento diventa patriottismo.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero