Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”

Immagine di copertina

Usa, dopo il 6 gennaio i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari

I militari Usa, terrorizzati dall’idea che Donald Trump potesse lanciare un attacco contro la Cina dopo la sconfitta elettorale, tolsero l’accesso alle armi nucleari al presidente uscente: lo rivela Peril, il nuovo libro che il giornalista del Washington Post Bob Woodward, autore negli anni Settanta insieme a Carl Bernstein dell’inchiesta sullo scandalo Watergate, ha scritto sempre con un collega dell’autorevole quotidiano, Robert Costa.

Il volume, in uscita negli States il 21 settembre, ma in parte anticipato dalla Cnn, ripercorre gli ultimi giorni di Donald Trump alla Casa Bianca.

Secondo il libro, il generale Mark Milley, capo dello Stato Maggiore Unificato, in un paio di occasioni, il 30 ottobre, 4 giorni prima delle elezioni presidenziali, e l’8 gennaio, due giorni dopo l’assalto a Capitol Hill, chiamò segretamente il suo collega cinese, il generale Li Zuocheng, per rassicurarlo sul fatto che gli Usa non avessero nessuna intenzione di attaccare militarmente la Cina.

Milley, inoltre, sempre l’8 gennaio decise autonomamente di limitare la possibilità che Trump ordinasse un attacco. Dopo l’assedio al Congresso Usa, infatti, il militare si era convinto che il presidente uscente fosse “in preda a un grave declino mentale seguito alle elezioni”.

Il generale, dunque, sempre secondo quanto svela il volume, revisionò le procedure delle azioni militari, incluso il lancio di armi nucleari, avvertendo gli alti ufficiali di prendere ordini solo ed esclusivamente da lui.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco