Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Covid, stretta dell’Ue contro le varianti. Bruxelles avverte: “Servono nuovi lockdown”

Immagine di copertina
La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen. Credit: EPA/JOHANNA GERON

Zone "rosso scuro" e stop ai viaggi non essenziali: le nuove misure Ue

L’Ue chiede lockdown più rigidi, dice stop ai viaggi non essenziali e istituisce zone “rosso scuro” con test obbligatori alla partenza e quarantena all’arrivo, ma lascia aperte le frontiere interne. È questo l’esito del summit in teleconferenza sulla pandemia di Covid-19 che si è tenuto ieri sera tra capi di Stato e di governo dell’Unione europea.

L’incontro è arrivato poco dopo l’allarme dell’Ecdc, il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie, sulla diffusione delle varianti del virus all’interno dell’Unione. L’Ecdc infatti ha rivisto il livello di rischio portandolo a “molto alto”.

Misure più rigorose contro le varianti

Al momento le varianti sotto osservazione sono quella britannica, quella sudafricana e quella brasiliana, che non è ancora stata individuata in Europa. L’Ecdc ha invitato i governi ad attivare i laboratori per il sequenziamento del virus, migliorare il tracciamento dei contatti, accelerare le vaccinazioni.

Ha chiesto inoltre di rinforzare le misure restrittive e impedire i viaggi non essenziali, una  richiesta arrivata anche dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, che in caso contrario aveva preannunciato la possibile chiusura delle frontiere.

Ue: nuovi lockdown, zone rosso scuro e stop ai viaggi non essenziali

Proprio a causa della preoccupazione per la diffusione delle varianti, durante il vertice i leader hanno evocato nuovi lockdown generalizzati. “Bisogna mantenere o rinforzare le misure restrittive”, ha affermato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel.

Dietro la spinta di Merkel, ma anche del presidente francese Emmanuel Macron, i leader europei hanno deciso l’introduzione di test obbligatori alla partenza e quarantena all’arrivo per chi viaggerà da aree ad alto rischio, che verranno identificate con una nuova colorazione, rosso scuro.

“Abbiamo previsto delle zone ‘rosso scuro’ dove la circolazione del virus è molto alta e crediamo che per queste zone serviranno delle restrizioni di viaggio che possono essere test e quarantena”, ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in conferenza stampa al termine del video summit.

Nuove misure restrittive saranno adottate inoltre per limitare i viaggi non essenziali all’interno dell’Unione. Michel ha dichiarato che i leader sono “totalmente convinti della necessità di mantener le frontiere Ue aperte per mantenere il funzionamento del mercato interno” ma “per i viaggi non essenziali occorre prevedere restrizioni, e ci mobiliteremo per coordinamento su questo punto”.

Dalla riunione dei leader inoltre è arrivato il via libera al mutuo riconoscimento dei test rapidi tra partner europei, una premessa necessaria per eventuali check ponti medici ai confini interni. È stata respinta invece l’idea di un passaporto vaccinale per viaggiare tra gli Stati membri, proposta dal primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis e sostenuta da Spagna e Malta.

Accelerare con le vaccinazioni

I leader Ue concordano sulla necessità di accelerare le vaccinazioni e appoggiano la proposta della Commissione di vaccinare il 70 per cento della popolazione entro l’estate, purché le aziende rispettino i tempi di consegna delle dosi in base agli impegni presi. “I vaccini devono essere distribuiti nello stesso momento e pro quota, in base alla popolazione”, ha ricordato il presidente Michel. La Germania ieri ha aperto ad accordi sulla produzione e sull’uso del vaccino russo Sputnik V se sarà approvato dall’Ema. Per il momento, solo l’Ungheria ha già dato semaforo verde.

Leggi anche: 1. Dpcm, tutte le risposte del governo alle Faq su seconde case, partner lontani e riunioni condominiali /2. Vaccini, da oggi la Regione Lazio sospende prime somministrazioni per i ritardi di Pfizer /3. Come leggere i dati Covid: perché dobbiamo tenere d’occhio Friuli, Piemonte ed Emilia-Romagna 

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli