Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Come leggere i dati Covid: perché dobbiamo tenere d’occhio Friuli, Piemonte ed Emilia-Romagna

Immagine di copertina

Il Friuli Venezia Giulia resta anche questa settimana la Regione con la maggiore incidenza dei decessi Covid ogni 100mila abitanti, un triste record che detiene dal 6 gennaio. In Veneto cala il dato delle terapie intensive, ciononostante la Regione resta tra quelle con un’incidenza maggiore per questo tipo di ricoveri. Per quanto riguarda invece i ricoveri ospedalieri, l’incidenza maggiore viene registrata in Friuli e Piemonte, seguite dall’Emilia Romagna: che andranno quindi monitorate con attenzione per le prossime settimane.

Ad evidenziarlo sono i grafici elaborati da TPI che mettono a confronto la situazione Regione per Regione. I grafici non partono dai dati assoluti – i numeri dei bollettini che vengono divulgati quotidianamente – ma da quelli relativi, calcolati sui 100mila abitanti, quindi emblematici, perché non influenzati dal numero degli abitanti delle diverse Regioni (qui i dati della scorsa settimana).

I dati Regione per Regione: ricoveri, terapie intensive e morti su 100mila abitanti

RICOVERI – Per quanto riguarda i ricoveri ogni 100mila abitanti, le Regioni che registrano un aumento rispetto alla scorsa settimana sono il Friuli Venezia Giulia, che registra un aumento da 55 a 57, la Campania, che passa da 24 a 25, la Calabria (da 15 a 16), la provincia autonoma di Bolzano (da 40 a 41), la Sicilia (da 28 a 29), l’Umbria (da 31 a 32) e la Valle d’Aosta (da 34 a 37).

Restano stabili le Marche (38), la Lombardia (36), la Puglia (34), la Toscana e il Molise (entrambi a 19), la Basilicata (14). Il dato è in miglioramento in Emilia Romagna (da 59 a 56), che resta comunque una delle Regioni con l’incidenza maggiore insieme al citato Friuli e al Piemonte (dove il dato scende da 59 a 57). Migliorano anche Abruzzo (da 35 a 34), Lazio (da 48 a 47), Liguria (da 44 a 42), provincia autonoma di Trento (da 58 a 47), Sardegna (da 32 a 30) e Veneto (da 50 a 43).

I dati dei ricoveri su 100mila abitanti (20.01.2021)

TERAPIE INTENSIVE – Passando alle terapie intensive, l’incidenza dei ricoveri aumenta rispetto alla scorsa settimana nelle Marche, nel Molise e nella provincia autonoma di Bolzano. Lieve aumento anche in Abruzzo, in Sicilia e in Sardegna.

Più o meno stabile invece la situazione in Emilia Romagna, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Piemonte, provincia autonoma di Trento e Valle d’Aosta. Il dato è in calo nelle seguenti Regioni: Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Puglia, Toscana, Umbria, Veneto. Ciononostante, il Veneto resta tra le Regioni con un incidenza maggiore per le terapie intensive, insieme a Trento e Bolzano.

I dati dei ricoveri in terapia intensiva su 100mila abitanti (20.01.2021)

MORTI – L’incidenza del numero di morti ogni 100mila abitanti negli ultimi 7 giorni mostra un aumento del dato in Abruzzo, Basilicata, Friuli, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia, Umbria, Val d’Aosta e nelle province autonome di Trento e Bolzano.

Stabile la situazione in Calabria, in Toscana e nelle Marche. Si registra invece un calo nelle seguenti Regioni: Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Sardegna e Veneto. La Regione che ha registrato il record di incidenza di decessi resta anche questa settimana, come abbiamo visto, il Friuli Venezia Giulia, seguito da Veneto ed Emilia Romagna.

I dati dei decessi in 7 giorni su 100mila abitanti (Dal 13.01 al 20.01.2021)

I dati assoluti su ricoveri, terapie intensive e decessi Regione per Regione

I dati di una settimana fa Regione per Regione

I dati dei ricoveri su 100mila abitanti (14.01.2021)

I dati dei ricoveri in terapia intensiva su 100mila abitanti (14.01.2021)

I dati dei decessi in 7 giorni su 100mila abitanti (Dal 7.01 al 14.01.2021)

Una nuova rubrica per leggere i numeri del Covid

La nuova rubrica di TPI  “Come leggere i numeri Covid” nasce dall’idea di selezionare alcuni dati salienti per comprendere meglio l’impatto della pandemia di Covid-19 in Italia. Abbiamo scelto di fornire solo pochi dati, una volta a settimana, in aggiunta rispetto al bollettino del ministero della Salute di cui diamo conto quotidianamente.

Si tratta dell’andamento di ricoveri, terapie intensive e decessi Regione per Regione su 100mila abitanti. In quanto proporzionati al numero di abitanti, questi numeri possono raccontare in modo più oggettivo la situazione delle singole regioni, dove il numero assoluto di casi o di positivi è naturalmente figlio del numero complessivo di abitanti.

Abbiamo deciso di lasciare da parte il numero dei nuovi casi perché questo dato è influenzato dal numero di tamponi eseguito in ogni regione. Un numero che, a sua volta, dipende dalle risorse e dalle singole capacità delle strutture regionali. I dati sono ricavati dalla rubrica “Numeri in pillole” di Paolo Spada su Pillole di Ottimismo, basata sui numeri forniti dal ministero. I grafici sono realizzati da TPI.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Alessandra, sopravvissuta sulla Marmolada, e il post d’addio al compagno: “Ti amo Tommaso”
Cronaca / Rifiuti, economia circolare, normativa Pfand: l’Italia è ancora al Medioevo. Per fortuna c’è l’Europa
Cronaca / Ius scholae, l’appoggio di Famiglia Cristiana: “Atto di giustizia”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Alessandra, sopravvissuta sulla Marmolada, e il post d’addio al compagno: “Ti amo Tommaso”
Cronaca / Rifiuti, economia circolare, normativa Pfand: l’Italia è ancora al Medioevo. Per fortuna c’è l’Europa
Cronaca / Ius scholae, l’appoggio di Famiglia Cristiana: “Atto di giustizia”
Cronaca / Scontro tra tir sull’A21, colonna di fumo visibile da chilometri
Cronaca / Marmolada, Toni Valeruz: “Tragedia evitabile. La montagna è irriconoscibile rispetto a venti anni fa”
Cronaca / Roma, bambino di due anni e mezzo annega a Santa Severa
Cronaca / “Eugenio Scalfari è morto”: la gaffe del Corriere della Sera su Instagram. Post subito rimosso
Cronaca / Torino, 47enne si sposa in fin di vita in ospedale: poche ore dopo un trapianto di cuore lo salva
Cronaca / Strage Marmolada, identificato il sopravvissuto trovato senza documenti
Cronaca / Incidente sul Cervino, trovati i corpi di due alpinisti: caduti per circa 400 metri