Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Stupri in Ucraina, migliaia di “pillole del giorno dopo” inviate a Kiev

Immagine di copertina

Secondo quanto riportato dal quotidiano britannico The Guardian le associazioni umanitarie si stanno adoperando per inviare in Ucraina, tra i vari medicinali, anche i farmaci per la contraccezione di urgenza, le cosiddette “pillole del giorno dopo” da destinare alle donne vittime di stupro.

Dall’inizio dell’invasione russa l’associazione International Planned Parenthood Federation (IPPF) ha inviato a Kiev circa 2.880 confezioni di pillole, mentre una rete di volontariato si sta occupando di raccogliere donazioni dai Paesi esteri per consegnare i farmaci agli ospedali ucraini. La maggior parte di questi sorgerebbe nell’est del Paese, “a Kharkiv, Mariupol, in quelle regioni”, ha detto al giornale britannico un volontario dell’associazione Paracrew, che fornisce cibo e attrezzature mediche all’Ucraina.

Non è possibile sapere quante beneficiarie siano vittime di abusi da parte dell’esercito russo, ma il personale ospedaliero di una struttura a nord di Kiev ha segnalato di avere in cura molte donne vittime di violenza. Il The Guardian riporta almeno nove casi accertati di donne rimaste incinte dopo essere state violentate dai soldati russi. Anche le Nazioni Unite finora hanno inviato in dieci regioni dell’Ucraina 40 tonnellate di medicinali necessari per la salute riproduttiva e oltre 30 kit di emergenza per la gestione delle violenze sessuali.

Julie Taft, dell’Ippc ha spiegato che nel trattamento delle donne vittime di violenza, il tempismo è essenziale. “Se una donna viene visitata entro cinque giorni dal fatto, quel farmaco dovrebbe esserle stato somministrato automaticamente”, ha detto Taft al The Guardian. Per permettere che la contraccezione abbia effetto anche se non trattata subito l’organizzazione si sta industriando per inviare nel Paese medicinali che possono essere utilizzati fino alla 24esima settimana di gravidanza.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Mosca: “Se Svezia e Finlandia nella Nato errore di vasta portata”
Esteri / Nato, al via esercitazioni con Finlandia e Svezia
Esteri / Usa, due sparatorie in poche ore: in California aggressione armata in chiesa e in un mercatino a Houston
Ti potrebbe interessare
Esteri / Mosca: “Se Svezia e Finlandia nella Nato errore di vasta portata”
Esteri / Nato, al via esercitazioni con Finlandia e Svezia
Esteri / Usa, due sparatorie in poche ore: in California aggressione armata in chiesa e in un mercatino a Houston
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Negoziati su Azovstal, anche per uscita militari”. Stoltenberg: “Kiev può vincere questa guerra”
Esteri / Guerra in Ucraina, Di Maio: “Bisogna tenere aperto un canale con Mosca”
Esteri / Strage di Buffalo, anche Luca Traini tra i modelli citati dal 18enne suprematista bianco
Esteri / Britney Spears annuncia di aver perso il bambino che aspettava con Sam Ashgari
Esteri / Ucraina: i corpi di soldati russi caricati sui treni frigo | VIDEO
Esteri / Croazia, abortire è quasi impossibile: migliaia in piazza per protestare contro i medici obiettori
Esteri / “Non avvicinatevi al tavolo…”: la “vendetta” dei Maneskin verso la Francia