Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Tutte le volte in cui Trump ha chiesto a Obama di non intervenire in Siria

Immagine di copertina

Prima di diventare presidente, Trump aveva ripetutamente usato Twitter per esprimere in tutti i modi il suo personale dissenso rispetto a un eventuale intervento

Il 6 aprile 2017, intorno alle 20.45 ora di Washington (le 2.45 del 7 aprile in Italia), gli Stati Uniti hanno lanciato un attacco missilistico su una base aerea in Siria come risposta all’uso di armi chimiche contro i civili nella provincia di Idlib. Trump ha giustificato l’attacco dichiarando: “Questa sera ho ordinato un attacco mirato contro la base da cui è partito l’attacco chimico. La Siria ha ignorato gli avvertimenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu, perché non si possono discutere le responsabilità della Siria nell’uso delle armi chimiche”.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Sono stati lanciati 59 missili Tomahawk da due navi americane di stanza nel Mediterraneo, che costituiscono la prima azione di guerra promossa dal presidente statunitense Donald Trump.

Tuttavia, prima di diventare presidente, Trump aveva ripetutamente usato il suo profilo Twitter per esprimere in tutti i modi il suo personale dissenso rispetto a un eventuale intervento degli Stati Uniti in Siria, nel periodo 2013-2014 in cui questo sembrava imminente.

In quei giorni Trump aveva definito “un grave errore” l’eventualità di un intervento deciso dal suo predecessore Barack Obama, e più e più volte aveva ribadito l’inutilità di immischiarsi in questioni mediorientali suggerendo invece di risolvere i problemi della politica interna statunitense. 

Ora che però a differenza di Obama, che non aveva poi effettivamente mai dato seguito alle minacce di intervento, Trump ha sferrato un attacco missilistico, molti di quei vecchi tweet sono tornati in circolazione sul web per evidenziarne le contraddizioni.

Eccone di seguito alcuni:

“Dovremmo starcene assolutamente alla larga dalla Siria, i ‘ribelli’ sono tanto nocivi quanto l’attuale regime. CHE COSA RICAVEREMO DAL SACRIFICIO DELLE NOSTRE VITE E DEI NOSTRI MILIARDI DI DOLLARI? ZERO”

“Lasciamo che sia la Lega Araba a occuparsi della Siria. Perché questi ricchi paesi arabi non ci pagano per il costo assurdo di un attacco del genere?”

“Che cosa ricaveremo dal bombardare la Siria a parte un aumento del debito e un possibile conflitto a lungo termine? Obama deve avere l’approvazione del Congresso.”

“DI NUOVO, DICO AL NOSTRO DAVVERO INCOSCIENTE PRESIDENTE, NON ATTACCHI LA SIRIA – SE LO FARÀ, SUCCEDERANNO MOLTE BRUTTE COSE E GLI USA NON NE AVRANNO ALCUN VANTAGGIO!”

“La Russia sta inviando una flotta di navi nel Mediterraneo. La guerra di Obama in Siria ha il potenziale di diventare un conflitto mondiale”.

“Presidente Obama, non attacchi la Siria. Non ci sono vantaggi, ma solo incredibili svantaggi. Salvi le sue “polveri” per un altro (e più importante) giorno!”

“Non attacchi la Siria – un attacco che non porterebbe che guai agli Usa. Si concentri sul rendere il nostro paese di nuovo forte e grande!”

Stando al profilo ufficiale di Facebook del presidente Trump, il bombardamento con armi chimiche del 4 aprile deve aver superato un limite, visto il commento “Enough is enough”, “Quando è troppo è troppo”:

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte