Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Siria, il segretario della Nato Stoltenberg: “La Turchia non tocchi i civili”

Immagine di copertina
Erdogan riceve il segretario della Nato Jens Stoltenberg Credit: AFP

Il segretario generale della Nato (di cui anche Ankara fa parte) ha incontrato il presidente turco Erdogan

Conflitto Turchia-Siria, il segretario della Nato Stoltenberg: “Non si tocchino i civili”

La tensione è altissima al confine tra Turchia e Siria da quando Ankara, il 7 ottobre, ha aperto l’offensiva militare contro i curdi del nord-est.

Per cercare di contenere la situazione, il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg è oggi, venerdì 11 ottobre, in visita ad Ankara e prima di recarsi dal presidente turco Recep Tayyp Erdogan ha dichiarato: “Quanto succede in Siria dimostra ancora una volta la necessità di una soluzione politica”.

La Turchia invade la Siria: la Nato in visita

In un’intervista al Corriere della Sera, Stoltenberg riconosce che la Turchia “è l’alleato contro il quale è stato compiuto il numero più alto di attacchi terroristici, che ha alcune legittime preoccupazioni di sicurezza”.

Ma allo stesso tempo, continua, “darò risalto all’importanza del contenersi e di evitare perdite civili”. L’importante per Stoltenberg è anche che le tensioni aumentate in Siria “non facciano tornare liberi i foreign fighter, combattenti stranieri, adesso prigionieri”.

La Nato, ha spiegato il segretario generale, “appoggia gli sforzi guidati dalle Nazioni Unite. L’escalation dimostra l’esigenza che la comunità internazionale favorisca il creare condizioni per soluzioni politiche”. E, ribadisce, “occorre attenzione sui foreign fighter. Ossia sugli stranieri di Daesh prigionieri di milizie rivali nei territori che vengono attaccati dalla Turchia. Va evitato che con le tensioni nel Nord della Siria tornino in libertà. Parliamo di migliaia di combattenti colpevoli di tremende violenze contro gente innocente”.

Cosa sta succedendo in Siria

Non si placano le tensioni per l’attacco ai curdi della Turchia in Siria. Migliaia di persone sono in fuga dalle loro zone e ci sono vittime civili. Mentre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan minaccia l’Europa. “Se l’Ue ci accuserà di occupazione e ostacolerà la nostra operazione militare, apriremo le porte a 3,6 milioni di rifugiati e li manderemo da voi”, ha detto ieri, giovedì 10 ottobre, ai leader del suo partito.

La reazione europea è stata durissima. “Parole inaccettabili”, hanno commentato il presidente francese Emmanuel Macron e il nostro ministro degli Esteri Luigi Di MaioItalia e Francia hanno convocato l’ambasciatore turco.

Ma anche il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha avvertito Ankara: “Se non agirà secondo le regole, sarà colpita molto duramente finanziariamente e con delle sanzioni”. Gli Usa all’Onu poi: “Non abbiamo avallato il blitz”. Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, decine di migliaia i civili in fuga dal nord-est.

Leggi gli approfondimenti di TPI sul tema:

Perché la Turchia invade la Siria proprio adesso

Dietro l’invasione della Siria c’è il piano di Erdogan per ricollocare un milione di profughi siriani

La Turchia invade la Siria: chi sta con chi e cosa sta succedendo nello scenario internazionale

I curdi del Rojava a TPI: “Trump abbandona i curdi e la Turchia invade il nord della Siria. Ma così l’Isis risorgerà”

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Bill Gates ha lasciato la presidenza Microsoft a causa di una relazione con una dipendente”
Esteri / Gerusalemme, crolla la tribuna di una sinagoga: almeno 2 morti e 130 feriti
Esteri / Giornalista palestinese incinta uccisa dalle bombe a Gaza: aveva 30 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Bill Gates ha lasciato la presidenza Microsoft a causa di una relazione con una dipendente”
Esteri / Gerusalemme, crolla la tribuna di una sinagoga: almeno 2 morti e 130 feriti
Esteri / Giornalista palestinese incinta uccisa dalle bombe a Gaza: aveva 30 anni
Esteri / Nuovi raid su Gaza e razzi su Israele, sale il bilancio delle vittime. Ucciso alto comandante Jihad Islamica palestinese
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax