Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:43
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Turchia arruola gruppi jihadisti nella guerra ai curdi in Siria

Immagine di copertina

Tra gli uomini ingaggiati da Ankara nel conflitto contro i curdi anche diversi fuoriusciti da Al-Qaida

La Turchia arruola gruppi jihadisti nella guerra ai curdi in Siria

Nella guerra che la Turchia sta combattendo in Siria contro i curdi sarebbero impegnati anche alcuni gruppi jihadisti, arruolati proprio da Ankara.

A rivelarlo è il profilo Twitter ArabBaathist, che sta seguendo l’avanzata dei ribelli in territorio curdo. Secondo questa fonte, infatti, nel battaglione filo-turco arruolato da Erdogan e composto, a quanto pare, da 25mila uomini, vi sarebbero anche diversi uomini di Ahrar Al Sharqiya, un gruppo di ribelli siriani islamista e nazionalista, fondato da alcuni fuoriusciti di Al Nusra.

Gli uomini di questo gruppo, originario del Governatorato di Deir ez-Zor, sono accusati di aver stretto un’alleanza con l’Isis, aiutando i terroristi europei a raggiungere da Est le roccaforti del cosiddetto Stato Islamico.

Le ultime news sull’attacco della Turchia nel nord della Siria

Del pericolo che l’Isis si potesse riorganizzare grazie al conflitto turco ne aveva parlato qualche giorno fa Anwar Muslem, l’ex sindaco di Kobane, la città curda che per prima ha sconfitto lo Stato Islamico in Siria.

“Senza il sostegno dell’Europa e degli Stati Uniti c’è il rischio concreto che l’Isis si riorganizzi” era stato il monito lanciato da Muslem.

Attacco della Turchia in Siria, l’ex sindaco di Kobane: “C’è il rischio che l’Isis si riorganizzi”

“In questo momento, la priorità – aveva affermato l’ex sindaco – è difendere il confine nord, ma abbiamo in custodia 12mila miliziani Isis, duemila sono stranieri, e circa 70mila loro familiari. Siamo molto preoccupati di non riuscire più a contenerli e questo rappresenterebbe un pericolo enorme per la Siria e per il mondo intero. Due giorni fa a Raqqa ci sono stati due attacchi suicidi dell’Isis. Temiamo che lo stesso possa avvenire a Deir ez Zor, che possano attaccare i luoghi di detenzione”.

Invasione Siria, la lista completa dei paesi che hanno vietato la vendita di armi alla Turchia

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, bambino di 9 anni colpito da un fulmine muore in campo
Esteri / Gaza-Israele: 74 vittime e 380 feriti. Biden difende gli israeliani
Esteri / Com'è iniziato il peggior conflitto degli ultimi anni tra Israele e Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, bambino di 9 anni colpito da un fulmine muore in campo
Esteri / Gaza-Israele: 74 vittime e 380 feriti. Biden difende gli israeliani
Esteri / Com'è iniziato il peggior conflitto degli ultimi anni tra Israele e Gaza
Cronaca / “La pandemia poteva essere evitata”: l’inchiesta indipendente che riscrive la storia del Covid
Esteri / Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non era stato invitato al party”
Esteri / Moni Ovada: “Sono ebreo ma Israele fa una politica infame e strumentalizza la Shoa”
Esteri / India, attore 35enne muore di Covid e lascia un video di denuncia: “Sarei sopravvissuto con cure giuste”
Esteri / Ora è guerra Hamas-Israele: “Lanciati oltre 200 razzi”. Netanyahu: “Continueremo a colpire”
Esteri / Unicef: "Sono i bambini di Gaza a pagare il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli