Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Trump e il caso Ucraina, il presidente contro la “talpa”: “È come una spia”

Immagine di copertina
Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump

La "talpa" è un agente della Cia che ha prestato servizio alla Casa Bianca

Trump Ucraina, la talpa che inguaia il presidente Usa è un agente della Cia

Un agente della Cia, che ha lavorato alla Casa Bianca è la “talpa” che ha messo nei guai il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. L’uomo ha raccontato dei rapporti tra il tycoon e l’Ucraina per il controllo delle elezioni presidenziali del 2020. E dei tentativi per insabbiare i contenuti della telefonata con Volodymyr Zelenski. Trump adesso rischia l’impeachment. “Quei funzionari sono come delle spie, e le spie andrebbero punite per tradimento, come ai vecchi tempi”, è stata la reazione furiosa del presidente Usa.

Trump Ucraina | Il tentativo di controllare le elezioni 2020

Il presidente degli Stati Uniti ha sollecitato interferenze sulle elezioni del 2020 da parte di un Paese straniero, l’Ucraina. Non solo: la Casa Bianca con un’azione di copertura ha tentato di insabbiare i contenuti della telefonata tra Donald Trump e Volodymyr Zelenski. È l’accusa dello 007 che con la sua denuncia senza precedenti ha aperto la strada al clamoroso avvio dell’indagine per impeachment, con la posizione del tycoon che sembra aggravarsi di ora in ora.

Anche perché tra i membri del Congresso cresce il consenso a favore della messa in stato di accusa del presidente: alla Camera già 218 deputati si sono espressi a favore dell’impeachment, quanto basta per spedire Trump a processo nell’aula del Senato.

Il testo della denuncia della talpa della Cia, che oggi vive sotto protezione, è stato reso pubblico poche ore dopo la diffusione della trascrizione della famigerata telefonata del 25 luglio scorso. Si tratta di nove pagine in cui si riporta la fortissima preoccupazione di una decina di funzionari dell’amministrazione per un uso del potere spregiudicato da parte di Trump, quando al leader ucraino chiese ripetutamente di colpire il suo probabile avversario nelle elezioni presidenziali del prossimo 3 novembre, Joe Biden.

“Quei funzionari sono come delle spie, e le spie andrebbero punite per tradimento, come ai vecchi tempi”, la reazione furiosa del tycoon, mentre era ancora a New York per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

In difesa della “talpa”, invece, il capo degli 007, Joseph Maguire. “Ha fatto bene e ha agito in buona fede. Nessuno può essere al di sopra della legge”, ha detto nella testimonianza al Congresso, definendo la denuncia della telefonata tra Donald Trump e il leader ucraino “unica e assolutamente senza precedenti”.

Trump Ucraina | Il presidente vuole insabbiare la telefonata

Ma la ricostruzione della talpa fa venire alla luce un comportamento ancor più grave. Resisi conto della gravità del colloquio tra Trump e Zelensky, gli uomini del presidente tentarono in tutti i modi di bloccarne i contenuti. E di far sparire soprattutto la trascrizione parola per parola della telefonata.

“Funzionari della Casa Bianca mi hanno detto di aver ricevuto indicazioni dai legali del presidente di rimuovere la trascrizione elettronica dal sistema computerizzato interno in cui trascrizioni simili sono solitamente conservate”, si legge nella denuncia.

“La trascrizione – prosegue la talpa – è stata quindi caricata su un sistema elettronico separato usato per la raccolta di informazioni riservate di natura particolarmente sensibile”.

Insomma, all’abuso di potere da parte del tycoon si aggiunge “un abuso del sistema elettronico. Perché la telefonata non conteneva nulla di sensibile da un punto di vista della sicurezza nazionale”. La Casa Bianca commenta parlando di “informazioni di terza mano” che “non cambiano nulla”.

Ma per la speaker della Camera Nancy Pelosi “i fatti dimostrano che il presidente ha tradito il Paese, ignorando e violando la Costituzione e mettendo a rischio la sicurezza nazionale e l’integrità delle elezioni americane”.

Trump Ucraina | Il rischio di impeachment

Intanto al Congresso è partita di fatto l’indagine di impeachment. E il primo passo è stata la testimonianza davanti alla commissione intelligence della Camera del capo degli 007 Usa Joseph Maguire, messo da Trump al posto dello ‘scomodo’ Dan Coats e che ha dovuto difendersi dalle critiche di aver gestito male la situazione.

Perché una delle cose che i parlamentari vogliono appurare è perché la denuncia che la talpa consegnò ai suoi vertici non ebbe seguito, accantonata infine dal Dipartimento di giustizia.

Maguire, definendo la talpa “credibile e in buona fede”, ha spiegato di non aver condiviso immediatamente la denuncia con il Congresso perché si tratta di una denuncia “senza precedenti”. E il suo dovere era verificare prima se la materia ricadesse nell’executive privilege, il principio secondo cui un presidente non è tenuto a condividere informazioni sensibili e protette.

Per questo si rivolse agli uffici legali di Casa Bianca e Dipartimento di giustizia che alla fine misero la tacere la cosa.

Al centro delle indagini anche il ruolo del legale personale di Trump, Rudi Giuliani. Per la talpa ha avuto un ruolo centrale nella vicenda e pochi giorni dopo la telefonata volò a Madrid per incontrare uno stretto collaboratore di Zelensky. Nel mirino anche il ruolo del ministro della giustizia William Barr.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”