Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Trump ha ricevuto il presidente egiziano al-Sisi a Washington

Immagine di copertina

L'incontro rappresenta un miglioramento dei rapporti tra i due paesi che sono alleati nell'azione di contrasto ai militanti islamisti

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ricevuto a Washington il presidente egiziano Abdel Fatah al-Sisi il 3 aprile 2017. L’incontro rappresenta un cambiamento nei rapporti tra i due paesi che sono stati tesi durante il periodo dell’amministrazione Obama.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

I due leader hanno diffuso un comunicato congiunto nel quale hanno ribadito la necessità di un impegno comune per il raggiungimento della pace in Medio Oriente, Siria, Libia e Yemen. 

“Voglio far sapere a tutti che noi sosteniamo il presidente al-Sisi. Ha fatto un lavoro fantastico in una situazione difficile. Sosteniamo l’Egitto e il suo popolo”, ha detto il presidente statunitense durante l’incontro nello studio ovale.

Il viaggio di al-Sisi negli Stati Uniti è il primo dal momento della sua elezione. Barack Obama non l’aveva mai invitato e aveva anche sospeso gli aiuti diretti verso Il Cairo dopo che l’attuale leader egiziano aveva deposto l’ex presidente Mursi nel 2013. 

Trump e al-Sisi hanno dimostrato di essere d’accordo nella strategia di opposizione ai militanti islamisti e hanno sottolineato che la battaglia non può essere solo militare. Il presidente degli Stati Uniti non ha invece fatto nessun riferimento alle accuse di violazione dei diritti umani.

Le organizzazioni che si interessano della tutela dei diritti umani hanno invocato più volte il rilascio di Aya Hijazi, arrestata nel 2014 con l’accusa di traffico di minori e detenuta per 33 mesi in violazione delle leggi egiziane. 

L’Egitto è uno dei principali alleati degli Stati Uniti nel Medio Oriente e collabora con la sua forza militare per contrastare la ribellione islamista nel Sinai.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità