Coronavirus:
positivi 36.976
deceduti 33.774
guariti 163.781

In Algeria una pagina Facebook nascondeva una rete di traffico di migranti

Undici persone sono state arrestate

Di Alice Possidente
Pubblicato il 18 Ott. 2019 alle 17:49
159
Immagine di copertina

Dall’esterno sembrava una pagina Facebook come le altre, in cui si parlava di cultura, di religione e di viaggi. In realtà si trattava soltanto di una copertura. Dietro, infatti, si celava una rete ben organizzata che gestiva un traffico di migranti. È accaduto in Algeria.

Secondo quanto riportato dal portale Ennahar (un’emittente televisiva in lingua araba), si è occupata del caso la squadra specializzata nei reati online della polizia di Orano, nel nord ovest dell’Algeria. Proprio indagando sui profili social, gli agenti sono riusciti a fermare e a interrogare un sospetto.

Durante l’interrogatorio, la persona ha svelato gli altri volti che componevano l’articolata rete di traffico internazionale: sette erano cittadini di origine marocchina e altri quattro provenivano dall’Algeria. Le undici persone sono state tutte arrestate.

Il compito dei trafficanti era quello di organizzare, via Facebook, i viaggi dei migranti, in mare, dalle coste algerine a quelle spagnole.

Algeria, otto neonati morti nell’incendio di un ospedale

Senza gli immigrati l’economia italiana crollerebbe: ogni anno producono il 9% del Pil. Il rapporto della fondazione Leone Moressa

159
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.