Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La polizia turca ha ucciso cinque miliziani dell’ISIS

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Mercoledì 12 luglio, in una casa in un quartiere centrale della città turca di Konya, la polizia locale ha ucciso 5 miliziani del sedicente Stato Islamico. Nell’operazione quattro poliziotti sono rimasti leggermente feriti. A riferirlo è stata l’agenzia di stampa Reuters, citando fonti dell’ufficio del governatore provinciale.

Le forze speciali hanno lanciato l’operazione nel quartiere Meram della città alle 4:15 del mattino ora italiana. Le forze di sicurezza di Ankara sono intervenute tempestivamente dopo aver ricevuto  informazioni credibili riguardo un imminente attentato terroristico da parte della cellula di Konya.

Secondo l’intelligence, l’attentato era legato all’anniversario del tentativo di colpo di stato avvenuto in Turchia il 15 luglio 2016.

L’operazione è stata lanciata come parte delle misure di sicurezza previste per proteggere gli edifici lungo il percorso utilizzato dai veicoli militari che sfileranno per la città. Secondo fonti dell’ufficio del governatore di Konya, il raid nella casa aveva l’obiettivo di arrestare un miliziano del sedicente Stato Islamico.

Nell’operazione sono stati sequestrati cinque fucili mitragliatori kalashnikov, una pistola e diverse munizioni. Le indagini al momento sono concentrate sull’identificazione delle vittime.

La polizia ha al momento sigillato l’area e tutti veicoli della zona sono stati fermati e perquisiti. Altre incursioni della polizia sono state condotte a 10 diversi indirizzi nella città di Konya.

I miliziani del sedicente Stato Islamico, in passato, hanno già effettuato attacchi con armi da fuoco e bombe in Turchia. Inoltre, molti combattenti stranieri negli ultimi anni hanno attraversato il confine tra Turchia e Siria per unirsi al gruppo jihadista.

Secondo i funzionari turchi, Ankara ha già arrestato più di 5 mila sospettati di appartenere al sedicente Stato islamico e deportato oltre tremila miliziani stranieri provenienti da 95 paesi diversi.

– LEGGI ANCHERaid aerei contro i miliziani curdi in Turchia, 11 morti

Ti potrebbe interessare
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Ti potrebbe interessare
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi