Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

500mila minori siriani rifugiati in Turchia non vanno a scuola

Immagine di copertina

Secondo l'organizzazione internazionale Human Rights Watch, il futuro di un'intera generazione sarebbe a rischio

L’organizzazione internazionale per la difesa dei diritti umani Human Rights Watch (Hrw) ha lanciato l’allarme riguardo al bassissimo tasso di frequenza scolastica dei bambini siriani rifugiati in Turchia. Sarebbero quasi 500mila i profughi in età scolare che non frequentano le lezioni dalla loro fuga dalla Siria.

Nonostante il report rilasciato sostenga che il 90 per cento dei bambini collocati nei campi profughi turchi vada a scuola, essi rappresentano appena il 13 per cento dei minori siriani in Turchia.

Le ragioni che portano le famiglie siriane a non iscrivere i figli alle scuole turche sarebbero principalmente tre: la lingua, le difficoltà finanziarie e i problemi d’integrazione.

Molti rifugiati, infatti, non sarebbero a conoscenza delle nuove leggi turche, che dal 2014 obbligano il Paese a garantire la frequenza scolastica per i profughi, annullando le problematiche economiche.

Agli insegnanti siriani presenti nel Paese continua a essere vietato di svolgere la propria professione, cosa che abbatterebbe i limiti linguistici. 

In Turchia, dall’inizio del conflitto civile siriano, oltre quattro anni fa, sono arrivati circa 2 milioni di rifugiati, dei quali 780mila sono bambini e ragazzi in età scolare.

Hrw ha richiesto un urgente intervento tecnico e finanziario internazionale: “Non riuscire a garantire l’accesso all’educazione ai bambini siriani mette a rischio un’intera generazione”, ha dichiarato la responsabile della Campagna per il diritto dei rifugiati Stephanie Gee, aggiungendo che gli effetti di un simile fallimento sarebbero disastrosi. 

Secondo l’organizzazione non governativa, si sarebbe arrivati alla situazione attuale per un errore di calcolo. Quando i primi profughi siriani si sono rifugiati in Turchia all’inizio del conflitto, si pensava che la situazione sarebbe stata temporanea. 

Molte famiglie hanno deciso di far lavorare i propri figli per far fronte all’emergenza, convinte che sarebbero tornate in Siria molto presto.

Le Nazioni Unite hanno stimato che sarebbero circa 13 milioni i bambini nel Medioriente a cui è stato negato il diritto allo studio a causa dei conflitti esplosi nella zona. Unicef sottolinea come, nell’area considerata, una scuola su quattro sia stata chiusa, danneggiata o distrutta.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”