Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Terremoto Albania oggi 27 novembre 2019: scossa di magnitudo 5.2, epicentro nell’Adriatico

Immagine di copertina
Immagine da: Ingv.it

Terremoto Albania oggi 27 novembre 2019

Dopo le violente, devastanti, scosse di terremoto di ieri, oggi, mercoledì 27 novembre 2019, è stato registrato in Albania un nuovo forte evento sismico.

Il terremoto di magnitudo mb 5.2 è avvenuto nella zona della costa albanese settentrionale con epicentro nel Mar Adriatico alle 15,45 ora italiana con coordinate geografiche (latitudine, longitudine) 41.53, 19.42 e ad una profondità di 12 km. La scossa come sempre è stata localizzato dalla Sala Sismica Ingv-Roma. La scossa è stata registrata a una quarantina di chilometri dalla capitale Tirana.

In seguito a questa scossa il ministero della Difesa albanese ha annunciato che le operazioni di soccorso sono momentaneamente sospese.

Il nuovo forte sisma è stato avvertito chiaramente anche in Montenegro e Kosovo. I media locali parlano di una prima scossa di magnitudo 5.3, seguita da altre di minore intensità, intorno a magnitudo 3.0. Non sono giunte notizie di danni.

Il bilancio del sisma: 27 morti, oltre 650 feriti, 15 dispersi

Sono almeno 27 i morti del terremoto di ieri 26 novembre in Albania. Tra le 27 vittime ci sono tre bambini di età compresa tra i 4 e gli 8 anni e 9 donne, come riferito da fonti ufficiali.

Il ministro della Sanità Ogerta Manastirliu ha poi reso noto che sono in gravi condizioni 8 dei feriti ieri nel sisma. Degli oltre 650 feriti, 62 sono ancora ricoverati presso le strutture ospedaliere di Tirana e Durazzo. Per i pazienti gravi, la autorità stanno cercando di trasferirli all’estero.

“Almeno per una ragazza e un ragazzo, i quali sono stati sottoposti anche ad interventi chirurgici, siamo in contatto con i partner italiani, e stiamo valutando se sono le condizioni per poterli trasferire in Italia”, ha spiegato il ministro.

Secondo il governo di Tirana sono una quindicina le persone ancora disperse tra Durazzo e Thumana. Il dato è stato comunicato ai team della protezione civile e dei vigili del fuoco che da ieri stanno aiutando le autorità locali nella ricerca e nel soccorso sotto le macerie.

Le squadre dei vigili del fuoco italiani sono impegnate sulle macerie di due palazzi a Durazzo, anche se con il passare delle ore si riducono le possibilità che possano trovare persone ancora in vita. Solo una volta concluse le ricerche in queste due aree i team italiani effettueranno le verifiche in altre zone della città.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Vertice Usa-Russia, Putin: "No ostilità". Biden: "Servono relazioni stabili"
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Ti potrebbe interessare
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Vertice Usa-Russia, Putin: "No ostilità". Biden: "Servono relazioni stabili"
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Esteri / Il nuovo Governo di Israele bombarda la Striscia di Gaza dopo il lancio di palloni incendiari
Esteri / La Nato per contare ancora ha bisogno di un nemico: Biden ne ha trovato uno (di G. Gramaglia)
Esteri / L'Ungheria vieta la "promozione dell'omosessualità ai minori"
Esteri / Ikea condannata in Francia per aver fatto spiare lavoratori e clienti
Esteri / Gemelle sposano lo stesso uomo: “Stiamo provando a restare incinte nello stesso momento”
Esteri / New York, fattorino accoltellato mentre è in bici termina la consegna prima di andare in ospedale
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi