Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Tamponarsi giovedì per andare alla festa sabato”, l’espediente per raggirare le misure anti Covid

Immagine di copertina
Credit: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Le autorità sanitarie hanno lanciato l'allarme. "Non funziona così. E non è affatto una buona idea"

Covid, il tampone giovedì per andare alla festa sabato

In California sono sempre di più i giovani tra i 18 e i 29 anni che ricorrono all’espediente del tampone utilizzato come “lasciapassare” per partecipare a feste e cene senza indossare la mascherina, abbracciare e baciare parenti e amici e ballare con sconosciuti. Si sottopongono al test giovedì per andare alla festa sabato. Lo denuncia il Los Angeles Times. Ragazzi che credono di adottare una soluzione responsabile alle limitazioni imposte dal Covid, ma che in realtà potrebbe rivelarsi pericolosa.

Le autorità sanitarie hanno già lanciato l’allarme come sottolinea al quotidiano Barbara Ferrer che dirige il Dipartimento di Sanità Pubblica nella contea di Los Angeles. “Non funziona così. E non è affatto una buona idea“, ha detto l’esperta. “Il risultato del test che ottieni sabato mattina è relativo al giovedì quando hai fatto il test. Bisogna leggerlo come ‘Giovedì eri negativo'”, ha detto Ferrer. “Ma il tampone negativo fatto giovedì non esclude che tu possa essere positivo sabato”.

Come sottolinea anche Maurizio Sanguinetti, microbiologo e direttore del Dipartimento di Scienze di laboratorio e infettivologiche della Fondazione policlinico universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma, a Repubblica: “Il punto è che un test, di qualunque natura esso sia, restituisce una fotografia di negatività in un momento specifico: quello in cui si è effettuato il test”, continua Sanguinetti. Possono passare anche diversi giorni tra l’esecuzione del tampone e il risultato. E nel frattempo ci si può infettare, e incontrare persone fragili pur essendo contagiosi anche se si ha un certificato di negatività in mano. Inoltre: “Un test va eseguito al momento giusto, non troppo presto, cioè prima che il virus si sia diffuso e replicato tanto da essere individuato. In ospedale, per esempio, noi dobbiamo effettuare un primo test 2 o 3 giorni dopo un contatto sospetto, e poi ripetere un nuovo test a 5 giorni per evitare che il virus sia presente ma sotto la soglia di detezione”, aggiunge l’esperto a Repubblica.

Ma non è tutto Sanguinetti sottolinea anche l’importanza della tipologia di tampone a cui ci si sottopone. “In primo luogo, è necessario fare chiarezza sui diversi tipi di tampone. Se parliamo qui di quelli antigenici, quelli rapidi per intenderci, dobbiamo sapere che questi presentano una percentuale di falsi negativi non trascurabile, superiore a quella data dal tampone molecolare. Dalla letteratura sappiamo che in generale – fatte salve le specifiche caratteristiche dei diversi tipi di test – questo strumento ha un grado di affidabilità variabile tra il 50 e l’80 per cento nei casi in cui la carica virale sia medio-bassa, e più elevato, fino al 95 per cento, in caso di carica medio-alta”, dice Sanguinetti.

Altro punto importante che non riguarda soltanto la presunta efficacia dell’espediente “Tampone giovedì per andare alla festa sabato” è quello dello spreco in un momento in cui la disponibilità di materiali e personale in grado di gestirli non è elevata. Farsi un test soltanto per sedersi a una tavolata di quindici persone o andare a una festa senza mascherina è uno spreco di risorse.

Leggi anche: 1. Crisanti a TPI: “A mettere in dubbio il vaccino è il Ceo di Pfizer che vende le sue azioni, non io”; // 2. Esclusivo TPI. La notte dei tamponi che imbarazza la sanità campana: in quella RSA test ogni due minuti senza cambiare guanti fatti dal medico indagato; // 3. Esclusivo TPI. Tutti chiusi in casa, ma non l’ordine dei medici di Roma. La denuncia: “Ci sono le elezioni e il presidente vuole far votare 43mila colleghi in presenza”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina: uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina: uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio