Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il Super Tuesday mette in chiaro una cosa: sarà Biden contro Sanders

Immagine di copertina
Bernie Sanders e Joe Biden

Un vincitore a sorpresa

Dal nostro inviato a Washington – Sembrava la fine della sua campagna. Dopo le cocenti sconfitte nelle primarie democratiche in Iowa, New Hampshire e Nevada, il rischio che la sua campagna presidenziale fosse già arrivata alla fine era alto. Anzi, altissimo. Addirittura, in New Hampshire, era stato battuto persino dalla senatrice Amy Klobuchar. Eppure, l’ex vicepresidente Joe Biden, con un colpo di coda clamoroso, come fanno i campioni un po’ appannati che ancora hanno il tocco da fenomeno, ha stravinto nel Super Martedì, nonostante i pronostici. Tutto ciò, dopo la vittoria in Carolina del Sud che lo aveva rimesso in carreggiata. Biden si è aggiudicato dieci stati americani sui quattordici in gioco (più il territorio della Samoa Americana), elevandosi a candidato numero uno per vincere le primarie, adesso, e affrontare il presidente Donald Trump nelle presidenziali di novembre.

Alabama, Virginia, Arkansas, Minnesota, Tennessee, Massachusetts, Maine, Carolina del Nord, Oklahoma. E una fetta enorme della torta: Texas. Sono questi gli stati in cui ha vinto Joe Biden, che ora, dopo un inizio disastroso, si ritrova in pole position nel numero dei delegati. Una cosa che, una settimana fa, nessuno si sarebbe aspettato. Senza giri di parole: molti esperti lo avevano dato per finito. Sicuramente il ritiro dell’ex sindaco Pete Buttigieg (sorprendente vincitore in Iowa) e della stessa Klobuchar, dovuti agli scarsi risultati nelle primarie in Carolina del Sud, hanno aiutato, spingendo molti democratici moderati a scegliere Biden, anziché dei candidati più estremi. Ovviamente la strada è ancora lunga, le primarie andranno avanti fino a giugno, ma Biden, dopo questo 3 di marzo, è tornato sulla cresta dell’onda e ora tutto dipenderà da come l’ex vicepresidente di Obama sceglierà di cavalcarla.

E Sanders? Che fine ha fatto? Si è aggiudicato il Vermont, lo Utah, il Colorado e il jackpot della serata, ossia la California, lo stato che offriva più delegati di tutti. Il conteggio dei voti è ancora in corso e ci metterà qualche giorno, ma sembra che sarà lui il vincitore. Insomma: bene, ma non benissimo. Dopo i primi, ottimi, risultati in Iowa, New Hampshire e Nevada, e una mera sopravvivenza in Carolina del Sud, il Super Tuesday era la prova di fuoco per la sua candidatura. Il test per capire quali potessero essere le sue reali possibilità di arrivare alla convention democratica e aggiudicarsi la nomination presidenziale. Diciamo che è stata una prova che non lo ha scottato, ma che sicuramente ha ridotto notevolmente le sue possibilità di trionfo. Per il momento. Sembrava inarrestabile, una vera slavina, tanto che lo stesso partito democratico già tremava di fronte a una sua possibile nomination, viste le sue posizioni radicali e le sue promesse di sanità universale ed educazione universitaria gratis per tutti. Una cosa che in America farebbe tremare, paradossalmente, anche il più liberale dei liberali.

Come nel 2016, quando tutti si misero a remare contro di lui dentro il partito, favorendo Hilary Clinton, questo martedì è successo lo stesso. Con i ritiri di Buttigieg e Klobuchar poco prima del Super Tuesday dovuti, e voluti, per non sottrarre voti a Biden, unificare il partito e minare la marcia del senatore del Vermont. Certo, vincere in California (se confermato), che da sola offre 416 delegati sui 1991 necessari per vincere le primarie, è stata un’ottima cosa per Bernie Sanders, e sono sicuro che, fino alla fine, farà di tutto per rimanere in corsa, vendendo a caro prezzo la sua pelle politica. Tuttavia, le prossime elezioni, tipo quelle del 10 di marzo, dove si voterà in 6 stati, potrebbero essere decisive per rivitalizzare, o affossare, la sua campagna primaria.

Chi esce con le ossa rotte dal Super Tuesday? In primis, il miliardario Mike Bloomberg, e i suoi 560 milioni di dollari spesi in campagna pubblicitaria da novembre in poi. Nonostante una vittoria in Samoa (unico luogo dove non ha fatto campagna elettorale) e un terzo posto in Texas e in California, le aspettative del ricco imprenditore erano molto diverse. Bloomberg sperava di potersi proporre come una valida alternativa agli altri candidati, specie vedendo l’iniziale debolezza di Biden e le posizioni “spaventose” di Sanders, eppure il Super Tuesday è stato chiaro: puoi avere tutti i soldi che vuoi, spenderli e spanderli, ma non è sufficiente per garantirsi una vittoria politica fra i democratici. E i soldi di sicuro non bastano per comprarsi una presidenza. L’ex sindaco di New York aveva puntato tutto sul Super Tuesday, addirittura non aveva partecipato nelle elezioni primarie precedenti per scelta, ma il suo all-in non ha funzionato. La speranza di fare bene, guadagnando delegati in giro per i vari stati, è semplicemente naufragata e ora, nonostante l’intenzione di voler rimanere in corsa, è difficile immaginare un Bloomberg che possa acquistare forza nelle successive elezioni. Più semplice immaginare un suo possibile ritiro, in quello che si rivelerebbe il suo peggior investimento: concorrere nelle primarie da outsider.

Un altro candidato che esce molto, ma molto, male da queste super primarie è la senatrice Elizabeth Warren, che aveva riposto le sue ultime speranze di sopravvivenza in California. Uno stato dove la Warren è arrivata, fino a prova contraria, addirittura quarta, senza guadagnare nessun delegato. E, ancora peggio, pesa l’onta di non aver vinto neanche nel suo stato di provenienza, il Massachusetts. Stato dove è arrivata dietro a Biden e Sanders, pure con un margine non indifferente. A meno di decisioni masochiste, un suo ritiro dovrebbe essere ormai imminente.

Biden vs Sanders

La “rivoluzione” di Sanders contro “la necessità di battere Donald Trump” di Biden. Sarà questo lo scenario che vedremo nei prossimi mesi. Il candidato che richiama di più la politica di Barack Obama contro il movimento che potrebbe cambiare gli Stati Uniti. Trump, secondo diversi media, preferirebbe Sanders come avversario, convinto di poterlo battere più facilmente, ma nei prossimi tre mesi tutto potrebbe ancora succedere. Come il ritorno di Biden era difficile da immaginare, soprattutto in tali proporzioni, queste elezioni primarie democratiche avranno ancora molto da raccontare. Giugno, mese in cui finiranno le primarie, non è mai sembrato così lontano.

Leggi anche:
Super Tuesday, il risveglio di Joe Biden (di Stefano Mentana)
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla