Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Mattarella da Trump, scontro sui dazi: “Basta ritorsioni”

Immagine di copertina

Stati Uniti, al via la visita di Mattarella a Washington. Oggi incontra Trump

Il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella incontra oggi il presidente statunitense Donald Trump. Al centro dell’incontro la guerra in Siria e la questione dazi.

Trump-Mattarella: cosa si sono detti i due capi di stato

Il meeting tra Trump e Mattarella è avvenuto nella Sala Ovale:  “È un grande onore ricevere un uomo molto rispettato come lei, è un piacere di averla alla Casa Bianca”, ha detto il presidente americano, spiegando “che i rapporti con l’Italia sono ottimi, non sono mai stati così buoni”.

Trump ha parlato con Mattarella del problema dei dazi, “di commercio, terrorismo e questioni militari”. E nelle prime battute dell’incontro rispetto alla crisi turco-siriana ha spiegato: “La Turchia si lamenta di tante cose ora, ci stiamo occupando della Turchia in modo giusto”.

Donald Trump nel suo incontro con Mattarella ha affrontato che gli Usa “valuteranno attentamente” le rimostranze dell’Italia che ritiene di essere penalizzata eccessivamente dagli annunciati dazi Usa per la vicenda dei sussidi statali ad Airbus. “L’Italia ha un problema su come i 7,5 miliardi di dollari di dazi sono stati suddivisi, crede di avere avuto un ruolo minore rispetto ad altri paesi come la Francia o la Germania”, ha osservato il tycoon.

L’incontro Trump-Mattarella

Trump si è detto molto soddisfatto che l’Italia abbia inserito la tecnologia sperimentale 5G nelle disposizioni del ‘Golden Power’ per tutelare il Paese da investimenti potenzialmente predatori, e in generale sulle questioni relative alla sicurezza informatica.

L’amministrazione americana, ha detto la Casa Bianca, “ha collaborato strettamente con l’Italia, così come con altri alleati e partner, sulla grave e non mitigabile minaccia alla nostra sicurezza nazionale, alla nostra privacy e alle nostre libertà di accettare fornitori non fidati, in particolare quelli soggetti al controllo del Partito comunista cinese, nelle nostre reti”.

Trump apprezza moltissimo il ruolo dell’Italia, considerata un “alleato chiave” su tantissimi fronti, a partire dal contributo dato su palcoscenici internazionali come l’Iraq o l’Afghanistan. Il presidente americano nel colloquio con Mattarella porrà in particolare l’accento sull’importanza e la necessità che Italia e Stati Uniti continuino a collaborare e a lavorare insieme sul fronte dei rapporti commerciali. L’Italia è un alleato Nato chiave e un partner prezioso nel programma F-35, dice ancora la Casa Bianca in preparazione all’incontro.

Gli Stati Uniti chiedono all’Italia una precisa scelta di campo, netta e  senza remore, in particolare in chiave anti-Cina.

L’adesione italiana alle Nuove Vie della Seta (Belt and Road) è sempre sottoposta alla massima vigilanza da parte di Washington.

La visita alla Casa Bianca del presidente della Repubblica cade a poche ore dall’entrata in vigore dei dazi Usa su molti prodotti europei. Dazi che, una volta scattati, colpiranno anche parte del Made in Italy.

La visita di Mattarella e Di Maio

La visita di Mattarella negli Stati Uniti, accompagnato dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio, durerà cinque giorni: dopo aver incontrato Trump, il capo dello stato vedrà la speaker della Camera Nancy Pelosi. Dopo Washington il presidente Sergio Mattarella si sposterà a san Francisco dove, tra le altre cose, visiterà delle start-up e parteciperà ad un forum dedicato all’innovazione che si svolgerà all’università di Stanford.

Leggi anche:

> Dazi Usa-Europa: cosa c’è davvero dietro la guerra commerciale di Trump

> Quali sono i prodotti italiani sottoposti ai dazi Usa

> Conte: “I dazi Usa ci preoccupano, lavoreremo per limitare i danni”

> Dazi, Pompeo: “Parleremo con l’Ue ma ci troviamo davanti ad una situazione d’ingiustizia”

> Dazi, TPI intervista il presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano: “Trump vuole favorire i nostri competitor tarocchi”

Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown