L’assurdo annuncio di lavoro in Sri Lanka: “Cercasi due boia”

Stretta sulla lotta al traffico di droga: nel paese è prevista la pena di morte per i trafficanti

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 12 Feb. 2019 alle 21:07 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:13
0
Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Il governo dello Sri Lanka cerca due boia. L’annuncio di lavoro è comparso sulle pagine del quotidiano nazionale Daily News, su cui si legge che il governo è alla ricerca di due persone per eventuali esecuzioni.

L’offerta di lavoro arriva in concomitanza con la spinta del paese per una politica intransigente nella lotta al traffico di droga. L’ultima esecuzione nel paese risale a 43 anni fa, ma il presidente Maithripala Sirisena ha riferito negli ultimi giorni che è fortemente intenzionato a riportare in auge l’uso della pena capitale contro i trafficanti di sostanze stupefacenti.

A gennaio, il presidente in visita nelle Filippine ha elogiato la guerra alla droga del presidente Rodrigo Duterte, a dispetto delle polemiche che ha sollevato a livello internazionale la pena capitale inflitta per i trafficanti.

Durante una visita di stato nelle Filippine dello scorso gennaio, Sirisena ha elogiato la guerra alla droga del presidente Rodrigo Duterte, nonostante le critiche internazionali a una campagna che ha provocato la morte di migliaia di persone negli scontri con la polizia.

LEGGI ANCHE: La crisi politica in Sri Lanka: due premier e nessun governo

Il traffico di droga è un reato capitale in Sri Lanka, anche se l’ultima esecuzione nel paese è stata registrata nel 1976. Da allora, tutte le pene capitali sono state commutate in anni di carcere.

L’ultimo boia del paese ha lasciato il lavoro nel 2014, ma non ha mai messo in atto nessuna esecuzione. Un altro è stato assunto l’anno scorso, ma non si è mai presentato al lavoro. I due dell’annuncio di lavoro sul quotidiano sarebbero reclutati per la nuova piega intransigente che sta prendendo il governo.

Sohara Upuldeniya, portavoce del servizio carcerario, ha riferito a Reuters: “Non possiamo sapere se il governo reintrodurrà la pena di morte, ma vogliamo assumere due boia per essere pronti nel caso in cui voglia compiere le uccisioni dei trafficanti di droga”.

La paga del boia, secondo quanto riportato dal Daily News, corrisponde mensilmente a 36.310 rupie (170 euro circa). I candidati dovrebbero essere dello Sri Lanka, uomini, di età compresa tra i 18 e i 45 anni. E, soprattutto, avere sia un “eccellente caratura morale” che “forza mentale”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.