Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Siria, più di 100 morti nei combattimenti a Idlib in sole 24 ore

Immagine di copertina
Credit: Anas AL-DYAB / AFP

Non si fermano i combattimenti tra forze leali al presidente siriano Bashar al Assad e e i jihadisti di Hay’et Tahrir al-Sham (HTS) per il controllo della regione di Idlib, nella zona nord occidentale della Siria.

Siria, due esplosioni a Raqqa: almeno 10 morti

Nelle ultime 24 ore si è assistito ad un intensificarsi degli scontri, nei quali hanno perso la vita almeno 100 combattenti  tra soldati dell’esercito governativo di Damasco e islamisti.

A riferirlo è stato l’Osservatorio siriano per i diritti umani, la Ong con sede nel Regno Unito.

La linea del fronte attualmente corre tra la regione di Idlib e la vicina Hama, dove le forze lealiste continuano a scontrarsi con i ribelli e i miliziani di Hay’et Tahrir al-Sham (HTS), ex al Nusra, che possono contare sull’appoggio della Turchia.

L’offensiva delle forze di terra e dell’aviazione di Damasco prosegue ormai da sei settimane e ha causato uno scambio di accuse anche tra la Russia, che sostiene Assad, e la Turchia, che continua invece a fornire aiuto ai ribelli e ai qaedisti.

A settembre del 2018 i due paesi hanno firmato un accordo per la gestione dell’area, ma l’intesa è stata violata ripetutamente.

I continui  scontri hanno anche causato un aumento nel numero degli sfollati, arrivati a circa 300mila secondo quanto riportato dall’Onu, mentre sono decine gli ospedali e le scuole colpiti e distrutti e oltre 200 le vittime tra i civili.

La riconquista della regione è fondamentale per il governo di Damasco, che sta cercando di riprendere il controllo del paese dopo la sconfitta dell’Isis.

Nella provincia si trovano gruppi molto diversi tra loro: a Idlib infatti sono presenti tanto ribelli anti-Assad che hanno preso le armi contro il governo fin dall’inizio della rivolta quanto i jihadisti di Hay’et Tahrir al-Sham (HTS) appoggiati dalla Turchia.

Nell’area di recente si è registrata anche la presenza di alcune cellule di Isis in cerca di una nuova zona in cui inserirsi dopo essere stati sconfitti nel sud est del paese. I tentativi di infiltrazione hanno portato a scontri tra i jihadisti dello Stato islamico e quelli di Hay’et Tahrir al-Sham.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron