Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

Siria: autobomba vicino l’ambasciata russa a Damasco, 4 feriti

Di Laura Melissari
Pubblicato il 24 Gen. 2019 alle 14:45 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:15
0
Immagine di copertina
Credit: LOUAI BESHARA / AFP

Quattro persone sono rimaste ferite in seguito all’esplosione di un’autobomba ad Adawi, a nord-est di Damasco, nei pressi dell’Ambasciata russa. Lo riporta l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Domenica scorsa un altro attentato si era verificato nella capitale siriana.

La situazione in Siria – Il 16 gennaio 2019 cinque soldati americani sono morti a seguito di un attacco suicida nella città di Manbij, nel nord-est della Siria, controllata dalle milizie arabo-curde sostenute dagli Usa.

L’attentato, che è stato rivendicato dall’Isis poco dopo, ha provocato almeno 20 morti.

L’attacco sarebbe stato messo a punto per convincere Washington a non ritirare i propri soldati dal paese mediorientale, come annunciato invece dal presidente Donald Trump.

A Damasco, la capitale siriana, non risultano attacchi da ottobre 2017, quando 17 persone morirono in diversi attacchi nel quartiere di al-Midan.

Il regime di Assad, sostenuto da Russia e Iran oggi può vantare il pieno controllo sulla maggior parte del territorio siriano, mentre la tensione resta alta nella zona di Deir el Zor, dove è ancora presente l’Isis. 

Idlib è la roccaforte ancora nelle mani dei miliziani di al Nusra e dei ribelli appoggiati dalla Turchia, intorno alla quale è stata istituita da Ankara e Mosca una zona demilitarizzata; Afrin, nel nord ovest, rimane nelle mani dell’esercito turco e dei ribelli loro alleati; infine il Rojava, pari circa al 30 per cento della Siria, è sotto il controllo delle Forze democratiche siriane (FDS) curdo-arabe.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.