Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Thailandia, 13enne si suicida dopo esser stata violentata. Il messaggio: “Vado via, ti amo”

Immagine di copertina

L'episodio si è verificato a Bangkok durante la notte dell'11 novembre

Si suicida dopo essere stata violentata

Una ragazzina di 13 anni si è suicidata dopo aver subito uno stupro da parte di una banda di sei uomini in Thailandia, secondo quanto riferisce la madre.

Il suo nome è Pinkie, e prima di togliersi la vita buttandosi da un Palazzo di Bangkok, ha scritto un post su Facebook: “vado via. Se non fossi incinta, ci sarei andata tempo fa”.

La ragazza avrebbe inoltre inviato un messaggio a un amico poco prima del suicidio, scrivendo: “Sto per andare, ti amo”, e allegando una foto di lei con le gambe penzolanti dal tetto dell’edificio.

Sempre secondo il racconto della madre 45enne, la violenza è avvenuta durante la notte dell’11 novembre. Sembra anche che Pinkie avesse litigato con lei poco prima di lasciarsi cadere dal condominio della città thailandese, e che la donna le era corsa dietro per tentare di fermarla prima che la piccola commettesse l’atto suicida.

Il capo della polizia che sta indagando sul caso a Bangkok ha riferito che i sospettati sono accusati di aver collaborato per abusare della ragazza, anche se le ricerche sono ancora in corso per ricostruire l’esatta dinamica della vicenda.

Si suicida dopo la luna di miele: la tremenda storia di Samuele
“Mi sto per suicidare”: l’annuncio shock su Facebook, poi si lancia dalla finestra
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”