Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Per la Corea del Nord le sanzioni Onu avranno l’effetto di accelerare il programma nucleare

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Il segretario della Difesa statunitense Jim Mattis ha suggerito che esiste la possibilità di una soluzione militare, ma per la Cina le minacce non possono risolvere la crisi nordcoreana

Altre sanzioni o pressioni contro la Corea del Nord avrebbero solo l’effetto di accelerare il suo programma nucleare. L’ultimo avvertimento di Pyongyang arriva proprio mentre si sta tenendo a New York l’Assemblea generale delle Nazioni Unite, dove martedì 18 settembre è atteso il primo discorso di Trump di fronte a questo organismo internazionale. Uno dei punti centrali del discorso sarà proprio la minaccia nucleare della Corea del Nord.

In una telefonata Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping si sono impegnati a “massimizzare la pressione” su Pyongyang attraverso una rigorosa applicazione della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che l’11 settembre ha visto l’imposizione di nuove sanzioni economiche alla Corea del Nord dopo il suo ultimo test nucleare. Venerdì 15 settembre il leader nordcoreano ha lanciato per la seconda volta un missile balistico che ha sorvolato il Giappone.

Una dichiarazione del ministro degli Esteri nordcoreano, pubblicata dall’agenzia di stato nordcoreana KCNA, definisce le sanzioni “il più viscido, immorale e inumano atto di ostilità”, sostenendo che queste hanno lo scopo di sterminare fisicamente il popolo, il governo e il sistema di Pyongyang, come riporta la Bbc.

Intanto, il segretario della Difesa statunitense Jim Mattis lunedì 18 settembre ha aperto all’esistenza di una possibile opzione militare contro la Corea del Nord che potrebbe proteggere Seul da un feroce contrattacco, ma non ha voluto precisare di che possibilità si tratti o se questa implichi l’uso di armi letali.

Stati Uniti e Corea del Sud hanno svolto lunedì esercitazioni militari congiunte. La Corea del Sud, alleata degli Stati Uniti, è facilmente raggiungibile per le armi nucleari e convenzionali di Pyongyang, per cui un’azione militare contro la Corea del Nord potrebbe provocare molte vittime su entrambi i fronti.

In risposta alle dichiarazioni di Mattis, il portavoce del ministro degli Esteri cinese ha detto martedì 19 settembre che azioni di minaccia o retorica non aiutano a risolvere la situazione nella penisola coreana. La Cina, storico alleato di Pyongyang, non ha posto il veto sulle nuove sanzioni adottate dal Consiglio di sicurezza Onu contro la Corea del Nord, ma ha ottenuto (insieme alla Russia) che queste fossero alleggerite rispetto alla proposta degli Stati Uniti e ha più volte chiesto una soluzione diplomatica per la crisi nordcoreana.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi