Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Regno Unito, al via la sperimentazione della settimana lavorativa di 4 giorni: lo stipendio resterà invariato

Immagine di copertina

Settimana lavorativa di quattro giorni, orario ridotto all’80 per cento mantenendo salari e produttività invariati: non è un sogno, ma la sperimentazione di un nuovo modello lavorativo che il Regno Unito inizierà a partire dal 13 giugno per i prossimi sei mesi. Promossa dalla Ong 4 day week global e dal think thank Autonomy insieme alle Università di Oxford e Boston, sarà la più grande intrapresa fino ad ora da un Paese, perché coinvolgerà 3.300 lavoratori di oltre 70 aziende britanniche. Il progetto pilota si basa sul cosiddetto modello 100:80:100: continuando a percepire il 100 per cento dello stipendio previsto, i dipendenti delle aziende aderenti resteranno in servizio per l’80 per cento delle ore previste, impegnandosi a mantenere il 100 per cento della produttività.

“Mentre usciamo dalla pandemia, sempre più aziende riconoscono che la nuova frontiera della competizione è la qualità della vita. Il lavoro a orario ridotto e incentrato sui risultati è il modo giusto per riuscire a competere nel mondo moderno”, ha dichiarato al the Guardian Joe O’Connor, amministratore delegato di 4 Day week global. Una politica sociale definita “a triplo dividendo”, come ha spiegato Juliet Schor, docente di sociologia all’università di Boston e principale ricercatrice del progetto, perché “avvantaggia i dipendenti, le aziende e l’ambiente”. I team di ricerca monitoreranno costantemente i lavoratori e le lavoratrici, verificando l’impatto dei nuovi ritmi sulla loro salute fisica e mentale, sulla qualità della vita e soddisfazione al lavoro, ma anche l’impatto ambientale dell’orario di lavoro ridotto e distribuito su quattro giorni.

Sarà poi tenuta sotto controllo anche la loro performance lavorativa, per verificare se e quali variazioni potranno subire, rispetto alla tradizionale settimana lavorativa da cinque giorni. Anche l’Islanda aveva dato inizio a una sperimentazione simile nel 2015, e dopo il successo dell’iniziativa – che non ha avuto impatto sulla produttività ed ha ridotto la quantità di stress – l’86 per cento dei lavoratori ha scelto la settimana corta. Svezia e Spagna avvieranno progetti pilota dello stesso tipo nel corso del 2022.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Potenti esplosioni avvertite a Mykolaiv, nuovi aiuti dagli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Potenti esplosioni avvertite a Mykolaiv, nuovi aiuti dagli Usa
Esteri / Mamma vegana costringe il figlio a mangiare solo frutta e verdura cruda per 18 mesi: lui muore di fame
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Mosca: la Nato è tornata a logiche da guerra fredda
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera
Esteri / “Per noi è come una violenza sessuale”: a TPI parlano le donne americane a cui è stato tolto il diritto all’aborto