Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Regno Unito potrà riesaminare l’asilo dato ai rifugiati dopo cinque anni

Immagine di copertina

Il provvedimento del ministero degli Interni permetterà di sottoporre a revisione i casi di chi ha ottenuto l'asilo politico e annullare la protezione

Il ministero degli Interni del Regno Unito ha cambiato le regole per il mantenimento del diritto di asilo politico sul territorio britannico. La notizia del provvedimento in vigore già da febbraio 2017 è trapelata il 9 marzo e presenta la possibilità di rimandare a casa dopo cinque anni i rifugiati per i quali non sussistano più i requisiti della protezione umanitaria.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

I migranti che hanno ottenuto la tutela da parte del Regno Unito vedranno rivista la loro situazione dopo cinque anni trascorsi nel paese. Le nuove indicazioni in materia di immigrazione erano state annunciate dalla premier Theresa May già nel 2015, durante un discorso al partito conservatore. In quell’occasione la leader britannica aveva fatto riferimento alla possibilità di dare solo protezione temporanea ai cittadini stranieri che fanno richiesta di asilo politico.

“Introdurremo delle revisioni rafforzate sul rimpatrio sicuro”, aveva detto May. “Quindi, se il permesso di un rifugiato termina e si verifica il miglioramento delle condizioni politiche nel suo paese, avvieremo il processo di rimpatrio invece che quello di integrazione nel Regno Unito”.

Il ministero assicura che le modifiche fatte al documento su diritto di asilo rispettano la Convenzione europea sui migranti e le indicazioni dell’Unione europea. Tuttavia, precisa che le nuove regole serviranno ad assicurare protezione nel solo periodo di tempo in cui risulta necessaria.

“Questa politica significherà l’impossibilità per i rifugiati che hanno dimostrato il loro diritto alla protezione di ricostruire le loro vite nel paese”, ha dichiarato la dottoressa Lisa Doyle del Refugee Council.

Il provvedimento sembra essere un appesantimento della burocrazia dato che la maggior parte dei migranti desiderano comunque tornare a casa non appena la situazione nei loro paesi di origine lo permette.

Il cambiamento nella politica britannica sui rifugiati potrebbe avere effetti negativi soprattutto sulle donne dato che è difficile provare a distanza di anni il pericolo di essere vittime di violenza domestica o di mutilazioni genitali.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati
Esteri / Ungheria, Orban sfida l'Ue: "Un referendum sulla legge anti-Lgbtq"