Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Israele, razzo lanciato dalla Striscia raggiunge Tel Aviv. Israele schiera le truppe al confine

Immagine di copertina
Credit: Jack GUEZ/AFP

Nella notte tra il 24 e il 25 marzo 2019 un razzo lanciato dalla Striscia di Gaza ha colpito una casa nel nord di Tel Aviv, ferendo 7 persone.

Secondo quanto riportato dai soccorritori, un 59enne e una donna di 30 anni sono stati ricoverato in condizioni moderate, mentre il marito di lei, e i loro figli, una ragazzina di 12 anni, un bimbo di 3 anni e uno di 6 mesi hanno riportato ferite più lievi.

I media di Hamas hanno in seguito affermato che il razzo è stato sparato per errore e che non si era trattato di un attacco deliberato contro Israele. I leader del movimento islamico hanno promesso all’Egitto che verrà avviata un’indagine sull’incidente.

Intanto Israele ha inviato due battaglioni a nord di Gaza richiamando alcuni riservisti per le unità di difesa aerea, secondo quanto riportata dal quotidiano israeliano Times of Israel.

Solo dieci giorni fa, due razzi lanciati sempre da Gaza hanno raggiunto la città di Tel Aviv senza provocare danni o feriti, mentre Israele ha risposto bombardando un centinaio di obiettivi nell’enclave palestinese.

Intanto il premier israeliano Benjamin Netanyahu è tornato in patria dagli Stati Uniti, dove era in visita per incontrare il presidente americano Donald Trump.

“Il paese risponderà con forza”, ha detto il primo ministro. “Ho parlato con il capo di Stato maggiore, il capo dello Shin Bet e il capo dell’intelligence. Si tratta di un atto criminale contro lo Stato d’Israele”.

Il 25 marzo è una giornata storica nei rapporti Usa-Israele: l’inquilino della Casa Bianca è pronto a firmare un documento che riconosce la sovranità dello Stato ebraico sulle Alture del Golan, territorio conteso con la Siria.

La presa di posizione degli Usa sul Golan favorisce il premier  Netanyahu che è alla ricerca di un nuovo mandato in vista delle prossime elezioni, che si terranno il 9 aprile.

Il premier ha indetto elezioni anticipate dopo l’abbandono dell’esecutivo da parte del ministro della Difesa Lieberman, anche lui candidato alle urne di aprile.

>>Gaza si ribella: “Vogliamo vivere, basta miseria”. E Hamas reprime la protesta

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane