Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chi è Cyril Ramapahosa, il nuovo presidente del Sudafrica

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

L’8 maggio si sono svolte le elezioni in Sudafrica: i cittadini hanno eletto il nuovo presidente in un momento molto delicato tanto per il paese quanto per il partito che da più di 20 anni regge le sorti della nazione.

Il Sudafrica è guidato dal 1994 dall’African National Congress (ANC), il partito di Nelson Mandela che ha portato avanti la lotta contro l’apartheid, ma negli ultimi anni il gradimento dell’ANC ha subito una drastica diminuzione a causa degli scandali di corruzione che hanno coinvolto i suoi vertici e per la mancanza di alcune di riforme che il paese attende da tempo.

Il candidato dell’ANC e nuovo presidente è Cyril Ramapahosa, che ricopre la carica di capo di Stato del Sudafrica da febbraio del 2018, quando ha preso il posto di Jacob Zuma, travolto da scandali personali e politici che hanno intaccato il prestigio e il consenso dell’ANC.

La sua nomina ha messo fine a una lunga crisi istituzionale che aveva paralizzato politicamente il paese ed è stata un estremo tentativo del partito di migliorare l’opinione dei cittadini.

Cyril Ramaphosa – Nato a Soweto nel 1952 da una famiglia di etnia venda, il presidente uscente ha fatto della lotta alla corruzione uno dei suoi cavalli di battaglia fin dalla corsa per la guida dell’ANC. Ramaphosa è riuscito così a battere la sua avversaria, Nkosazana Dlamini-Zuma, ex presidente della Commissione dell’Unione Africana ed ex moglie di Jacob Zuma.

Ramaphosa è stato anche segretario del National Union of Mineworkers (Num), uno dei più importanti sindacati del Sudafrica che rappresenta i minatori.

Il suo nome era noto nel paese già durante il periodo dell’apartheid: Ramaphosa ha preso parte alle trattative con il National party, dando così il suo contributo nel processo che portò alle prime elezioni libere del 1994.

In quegli anni divenne uno dei più stretti collaboratori di Mandela, che sperava diventasse suo successore nel 1999. L’Anc però decise di affidare l’incarico a Thabo Mbeki e Ramaphosa abbandonò la politica per dedicarsi al mondo degli affari.

Il presidente uscente è ritornato in politica nel 2012, quando è stato scelto da Zuma come suo vice all’interno dell’Anc.

Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo