Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Quando i cartelli sottolineano l’ovvio

Può capitare di imbattersi in strani segnali che spiegano ovvietà, come “la libreria è chiusa fino all’orario di apertura”. Ma sono davvero necessari?

Di TPI
Pubblicato il 22 Mag. 2017 alle 11:20 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 01:55
0
Immagine di copertina

Ci si potrebbe stupire di come a volte l’essere umano senta il bisogno di sottolineare l’ovvio. 

Negli uffici, nei luoghi pubblici, per strada, può capitare di imbattersi in strani cartelli, avvisi o pubblicità che ci dicono cosa possiamo o cosa non possiamo fare, a cosa dobbiamo stare attenti, cosa dobbiamo evitare o che ci diano indicazioni e istruzioni per usufruire di un luogo o di un servizio spiegando ovvietà, come “la libreria è chiusa fino all’orario di apertura”.

Eppure, se ci riflettiamo, queste indicazioni sono presenti per un motivo: probabilmente qualcuno, in un tempo precedente, deve aver dato modo di pensare che fossero necessarie. 

E se non fosse così, non si può che ridere di alcuni di questi singolari cartelli che fanno pensare che il genere umano stia regredendo, in particolar modo quando è difficile trovare informazioni e indicazioni dove davvero servirebbero.

Ecco alcuni dei più divertenti:

(Credit: Albuyeh)