Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Quando i cartelli sottolineano l’ovvio

Immagine di copertina

Può capitare di imbattersi in strani segnali che spiegano ovvietà, come “la libreria è chiusa fino all’orario di apertura”. Ma sono davvero necessari?

Ci si potrebbe stupire di come a volte l’essere umano senta il bisogno di sottolineare l’ovvio. 

Negli uffici, nei luoghi pubblici, per strada, può capitare di imbattersi in strani cartelli, avvisi o pubblicità che ci dicono cosa possiamo o cosa non possiamo fare, a cosa dobbiamo stare attenti, cosa dobbiamo evitare o che ci diano indicazioni e istruzioni per usufruire di un luogo o di un servizio spiegando ovvietà, come “la libreria è chiusa fino all’orario di apertura”.

Eppure, se ci riflettiamo, queste indicazioni sono presenti per un motivo: probabilmente qualcuno, in un tempo precedente, deve aver dato modo di pensare che fossero necessarie. 

E se non fosse così, non si può che ridere di alcuni di questi singolari cartelli che fanno pensare che il genere umano stia regredendo, in particolar modo quando è difficile trovare informazioni e indicazioni dove davvero servirebbero.

Ecco alcuni dei più divertenti:

(Credit: Albuyeh)