Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Processo ai big del carbone: il controvertice dei giovani alla Cop26

Immagine di copertina

Sull'ultimo numero del nostro settimanale il reportage di Madi Ferrucci da Glasgow.

Mentre alla Cop26 di Glasgow i grandi della Terra annunciavano accordi storici per ridurre le emissioni di gas serra, a pochi chilometri di distanza, nel cuore della città, si è tenuto il Summit dei popoli per la giustizia climatica, un controvertice con attivisti, comunità e movimenti provenienti da tutto il mondo. L’iniziativa è nata da una coalizione di realtà della società civile che hanno deciso di costruire insieme quattro giorni di discussioni e confronti per dare spazio alle voci rimaste inascoltate all’interno dei padiglioni blu della Conference of the parties numero 26. “Le decisioni prese alla Cop26 influenzeranno il modo in cui i governi nazionali risponderanno alla crisi climatica. Saranno loro a decidere chi deve essere sacrificato, chi potrà salvarsi e chi invece riuscirà a guadagnarci. La giustizia climatica non ci verrà mai concessa dai leader della Terra o dalle imprese fossili.

Dobbiamo essere noi a immaginare il nostro futuro e a stabilire come realizzarlo”, dichiarano gli organizzatori nel loro manifesto. Il vertice si è aperto al Glasgow Film Theatre con il processo simulato del Tribunale dei diritti della natura. Qui le vittime sono i popoli e la natura mentre l’imputato è rappresentato dall’Unfccc, la Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, i cui Paesi firmatari ogni anno si riuniscono in occasione della Cop per discutere delle politiche climatiche da adottare. Come in un vero e proprio tribunale cinque giudici hanno ascoltato le testimonianze a supporto delle vittime dei cambiamenti climatici di tutto il pianeta e le voci di intellettuali ed esperti che hanno deciso di sostenere le accuse con dati alla mano. Il dito è puntato contro i fallimenti della Convenzione Onu. Cinque i capi d’accusa……….

Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda