Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La premier neozelandese Jacinda Ardern ha partorito una bambina

Immagine di copertina
La premier neozelandese Jacinda Ardern con il suo partner e la figlia

La prima ministra neozelandese Jacinda Ardern ha dato alla luca la sua prima figlia, partorendo all’Auckland City Hospital e diventando la seconda leader eletta del mondo nella storia moderna a partorire durante il suo mandato.

È stata la stessa Ardern a darne notizia pubblicamente, con una foto e un post pubblicato su Instagram.

“Ci sentiamo molto fortunati ad avere avuto una bambina che è arrivata alle 16.45 e pesa 3.31kg. Grazie mille per i vostri auguri e la gentilezza. Sta andando tutto davvero bene grazie alla meravigliosa squadra dell’Auckland City Hospital”, ha scritto Ardern.

La prima donna eletta a partorire durante il suo mandato nella storia moderna è stata Benazir Bhutto, ex premier del Pakistan, nel 1990.

Jacinda Ardern, 37 anni, leader del partito labourista, era stata eletta a ottobre 2017, divenendo la premier più giovane del paese dal 1856.

Insieme al partner Clarke Gayford aveva annunciato la sua gravidanza a gennaio 2018.

“Volevamo una famiglia ma non eravamo sicuri che potesse accadere, per cui la notizia è stata inaspettata ma emozionante”, ha detto.

Sarà in maternità per sei settimane, durante le quali sarà sostituita dal suo vice Winston Peters.

Verrà comunque aggiornata leggendo i documenti del governo durante queste settimane.

Dopo questo periodo, sarà il suo partner a restare a casa a badare alla figlia.

Ad Ardern sono arrivate le congratulazioni dall’ex prima ministra della Nuova Zelanda Helen Clark e del premier australiano Malcolm Turnbull.

Prima di essere eletta, ad agosto 2017, Ardern era finita sui giornali di tutto il mondo per una risposta data a un giornalista proprio sul tema della maternità.

Il suo interlocutore, Mark Richardson, sosteneva che i neozelandesi avessero il diritto di conoscere i suoi eventuali progetti di maternità prima di decidere se votarla o meno.

“È davvero inaccettabile nel 2017 sostenere che le donne debbano rispondere a questa domanda sul posto di lavoro”, aveva risposto Ardern. “È una decisione che spetta alla donna quando avere figli, non deve avere conseguenze sul fatto di ottenere o meno un lavoro. Dovremmo essere giudicate per ciò che sappiamo fare, non per la nostra vita privata, invece tutte le donne affrontano questo pregiudizio continuamente”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto in Turchia, le immagini della devastazione | VIDEO
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto in Turchia, le immagini della devastazione | VIDEO
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Esteri / In Ucraina la strada verso l’escalation è lastricata di armi (di S. Mentana)