Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Per il presidente del Consiglio Ue esiste “un posto speciale nell’inferno per i Brexiteer”

Immagine di copertina

Le parole di Donald Tusk hanno preceduto l'incontro con la premier britannica May per

Secondo il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, esiste “un posto speciale nell’inferno” per “coloro che hanno promosso la Brexit senza nemmeno avere un piano su come portarlo avanti in sicurezza”.

Le parole di Tusk sono arrivate a seguito dei colloqui con il premier irlandese Leo Varadkar a Bruxelles. I deputati sostenitori della Brexit hanno reagito con rabbia ai commenti del presidente, accusando Tusk di “arroganza”.

Leggi anche: Brexit, perché il confine irlandese è uno dei problemi più difficili da risolvere

A conclusione dell’incontro infatti Nigel Farage ha risposto via Twitter al presidente, scrivendo: “Dopo la Brexit saremo liberi da politici prepotenti non eletti e arroganti come te e gestiremo il nostro paese. Sembra più il paradiso secondo me”.

Tusk ha iniziato la conferenza stampa ricordando ai giornalisti che mancavano 50 giorni all’uscita del Regno Unito dall’Unione europea e che ancora non era stata trovata una soluzione per evitare il no deal.

“So che ancora un gran numero di persone nel Regno Unito, e nel continente, così come in Irlanda, desiderano che si faccia marcia indietro. Sono sempre stato con te, con tutto il cuore”, ha detto rivolto al premier irlandese.

“Ma i fatti sono inconfutabili. Al momento, la posizione pro-Brexit del primo ministro britannico e leader dell’opposizione esclude questa possibilità. Oggi non esiste una forza politica e nessuna leadership in grado di far valere  il Remain”.

L’incontro fra Tusk e il premier irlandese si è svolto il giorno prima del meeting tra il presidente Ue e la prima ministra britannica May per discutere del percorso per l’uscita dall’Ue del Regno Unito.

Tusk ha anche ricordato che l’accordo sull Brexit “non è aperto alla rinegoziazione. Spero che arrivino proposte realistiche su come superare l’impasse”.

“Oggi il nostro compito più importante è prevenire uno scenario senza accordo. Vorrei ancora una volta sottolineare che la posizione dell’UE a 27 è chiara e la Ue a 27 non sta facendo alcuna nuova offerta. Permettetemi di ricordare che il Consiglio europeo di dicembre ha deciso che l’accordo di revoca non è aperto alla rinegoziazione”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid