Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Polonia, attacco al Gay Pride di Bialystok: squadre dell’ultradestra pestano a sangue i manifestanti

Immagine di copertina
Le violenze al gay pride di Bialystok, in Polonia. Credit: Jerzy Baliski / AFP

Il primo gay pride organizzato sabato 20 luglio nella città nord orientale di Bialystok, in Polonia, si è svolto nel sangue. Un gruppo di ultradestra nazionalsovranista armato di catene, mazze e pietre ha attaccato i manifestanti.

Anche la polizia è stata colpita dagli aggressori omofobi e non è quindi riuscita a garantire il pacifico svolgimento del corteo. Secondo quanto riporta Bloomberg alla manifestazione Lgbt hanno preso parte circa 800 persone, alcune delle quali sono state pestate dagli estremisti di destra.

In Polonia se vai contro l’estrema destra, muori. Parola di una giornalista polacca a TPI

I dimostranti sono stati colpiti con pietre e sacchetti di plastica contenenti urina e sterco e hanno cercato riparo dai pestaggi e dalle aggressioni in negozi e farmacie.

Secondo il portavoce della polizia di Bialystok, Tomasz Krupa, le violenze hanno portato all’arresto di 20 persone, quattro delle quali sono sospettate di reati contro le forze dell’ordine.

Il video delle violenze al gay pride di Bialystok

In Polonia si respira un clima di crescente intimidazione contro la comunità gay, lesbica, bisessuale e transgender. Il partito sovranista al potere PiS (Prawo i Sprawiedlywosc, Diritto e Giustizia, tra le altre cose, in buoni rapporti con la Lega di Matteo Salvini) ha impostato la campagna elettorale per le elezioni di ottobre sulla lotta agli omosessuali.

Matteo Salvini vola in Polonia per incontrare i vertici di destra del Paese ma viene contestato e insultato dai residenti | VIDEO

Il leader del PiS Jaroslaw Kaczynski ha dichiarato infatti che il movimento e la cultura Lgbt sono “una minaccia per la nazione e la famiglia“. E proprio nei giorni scorsi decine di villaggi, comuni e un’assemblea regionale si erano dichiarati “liberi dall’ideologia Lgbt”, concetto omofobo che ricorda il termine “Judenfrei” (“libero dagli ebrei”) coniato da Joseph Goebbels, ministro della propaganda del Terzo Reich, utilizzato nella Germania nazista e nei paesi europei occupati, tra cui appunto la Polonia.

In quali paesi l’omosessualità è ancora un reato

Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei: distrutto il grattacielo dei media a Gaza
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei: distrutto il grattacielo dei media a Gaza
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown