Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Ordinano la pizza a Londra e se la fanno recapitare in Nigeria dalla British Airways”

Immagine di copertina

A primo acchito potrebbe sembrare una notizia divertente, ma in realtà cela una verità amarissima. Alcuni cittadini della Nigeria ordinano la pizza a Londra e se la fanno recapitare a Lagos, la più grande città del paese, grazie ai voli della British Ariways.

A rivelarlo è Audu Ogbeh, ministro dell’Agricoltura nigeriano, che si sforza di far capire così la complessità di rilanciare l’economia del paese, lottando contro i mulini a vento di una globalizzazione incessante.

Di fronte alla commissione Agricoltura del Senato in Nigeria, ad Abuja, il ministro Ogbeh ha detto: “Lo sa che ci sono nigeriani che usano i loro cellulari per importare la pizza da Londra? Comprano al mattino a Londra, la pizza arriva la sera grazie alla British Airways, e la si va a prendere all’aeroporto”, spiega il ministro di fronte al chairman del Senato.

Il giro ha fatto il giro del mondo. In sei ore, la pizza si muove dalla capitale europea e arriva dritta dritta in territorio nigeriano. “È una situazione molto fastidiosa e dobbiamo muoverci molto più velocemente di quanto facciamo ora per ridurre questo genere di iniziative”, ha continuato Ogbeh.

Questo dato è il segno di una profonda disaffezione nei confronti dell’economia locale. Perché, come riportano i media locali, di certo non mancano le pizzerie a Lagos. Eppure una manciata di cittadini facoltosi scelgono di chiamare addirittura Londra.

Ogni anno si sperperano risorse per importare prodotti che altrimenti potrebbero essere acquistati localmente, come frutta e verdura che, nelle gradi città del paese, arrivano dal Sudafrica.

Ma non è del tutto pessimista il ministro dell’Agricoltura, che ha spiegato: “Per puntare sulla nostra capacità di sviluppo dobbiamo partire dalle piccole cose di tutti i giorni. E per quanto riguarda la lavorazione del pomodoro stanno andando a regime due grossi nuovi stabilimenti che ci potranno permettere di fermare l’importazione di passata di pomodoro dall’estero”.

Cibo a domicilio: a sorpresa la pizza non è il piatto più ordinato dagli italiani

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte