Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brexit, il Regno Unito si prepara al No deal con un’imponente operazione militare: 3.500 soldati e bunker nucleari

Immagine di copertina
Credit: Albert Nieboer/Royal Press Europe/RPE

Il Regno Unito sta vivendo momenti di grande caos in vista della sua imminente (o forse no) uscita dall’Unione europea. Mentre le strategie politiche procedono, con grandi difficoltà, parallelamente anche quelle militari si vanno strutturando.

Il governo si prepara a entrare in modalità allerta in caso di No deal, l’uscita del Regno Unito senza accordo.

L’operazione Redfold prevede un dispiegamento di 3.500 militari che saranno impiegati in caso di disordini e caos o in caso di mancanza di beni di prima necessità.

Le forze armate hanno attivato un bunker a prova di attacco nucleare sotto il Ministero della Difesa a Londra, come rivela Sky News.

La regina Elisabetta sarà evacuata da Londra se la Brexit diventa “pericolosa”

Il controllo del piano è nelle mani del Cobra, il Cabinet Office Briefing Rooms, il comitato di coordinamento e strategia del governo britannico, istituito per rispondere a una crisi nazionale.

Il Cobra, che ha lo scopo di prendere decisioni rapire e efficaci si riunisce in caso di pericolo per il paese, per coordinare la risposta del governo a una crisi.

Il piano prevede che siano predisposte squadre di militari per rispondere alle necessità del paese in caso di No deal.

La missione Redfold è strettamente legata all’Operazione Yellowhammer. I militari potranno essere usati ad esempio per agevolare il trasporto di cibo, beni di prima necessità o carburante in caso di ristrettezza.

Le basi militari potranno inoltre essere utilizzate per parcheggiare camion e altri veicoli in caso di ritardi e code nei controlli doganali alle frontiere.

Il bunker a prova di attacco nucleare, chiamato Pindar, si trova sotto la sede del ministero della Difesa, a Whitehall. Si tratta della struttura utilizzata dalle forze armate in tempo di guerra o di emergenza nazionale.

L’operazione Redfold coinvolge oltre al personale militare anche civili altamente qualificati.

Sky News aveva rivelato a gennaio che la preparazione di un piano per un No deal è la “massima priorità” del Ministero della Difesa. In questi mesi i militari sono stati addestrati per affrontare una serie di svariate eventualità in caso di Brexit.

Il ministero ha già speso almeno 23 milioni di sterline per lo scorte di cibo, carburante, pezzi di ricambio e munizioni in previsione di eventuali interruzioni ai rifornimenti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Vertice Usa-Russia, Putin: "No ostilità". Biden: "Servono relazioni stabili"
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Ti potrebbe interessare
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Vertice Usa-Russia, Putin: "No ostilità". Biden: "Servono relazioni stabili"
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Esteri / Il nuovo Governo di Israele bombarda la Striscia di Gaza dopo il lancio di palloni incendiari
Esteri / La Nato per contare ancora ha bisogno di un nemico: Biden ne ha trovato uno (di G. Gramaglia)
Esteri / L'Ungheria vieta la "promozione dell'omosessualità ai minori"
Esteri / Ikea condannata in Francia per aver fatto spiare lavoratori e clienti
Esteri / Gemelle sposano lo stesso uomo: “Stiamo provando a restare incinte nello stesso momento”
Esteri / New York, fattorino accoltellato mentre è in bici termina la consegna prima di andare in ospedale
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi