Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perché è così difficile ammettere di aver sbagliato

Immagine di copertina

Nella vita capita spesso di sbagliare, ma poche volte di ammetterlo. Perché? La spiegazione risiede nel nostro cervello

Ammettere di aver sbagliato è estremamente difficile. Non si tratta semplicemente di ottusità o arroganza, anche alle persone umili capita di non voler ammettere – a sé stessi e agli altri – di aver sbagliato.

Per questo tipo di comportamento c’è una spiegazione scientifica, che risale alla dissonanza cognitiva. Introdotta dallo psicologo Leon Festinger nel 1957, la dissonanza cognitiva avviene quando viviamo situazioni molto contraddittorie e il nostro cervello si ritrova costretto a districarsi fra affermazioni, situazioni, fatti dissonanti e contrastanti in riferimento alla nostra persona.

A quel punto dobbiamo scegliere una via o l’altra: ammettere di aver sbagliato oppure perseverare nell’errore, cercando lo sbaglio al di fuori di se stessi. Ciò che comunemente accade è che quando si sbaglia si persevera nella concezione sbagliata, perché ammettere l’errore vorrebbe dire ridurre la propria autostima, sentirsi in colpa e minacciare la propria integrità, il proprio concetto di sé.

Come descritto da Festinger, un esempio valido è quello di un soggetto che disprezza esplicitamente i ladri, ma compra un oggetto a un prezzo troppo basso per non intuire che sia di provenienza illecita.

A quel punto la persona in questione deve modificare il proprio comportamento se non vuole vivere la condizione disagiante della dissonanza cognitiva: dovrà smettere di disprezzare i ladri o smettere di comprare gli oggetti rubati.

Questo processo avviene ogni qualvolta ci troviamo in una situazione contraddittoria o quando una nostra frase non corrisponde al vero e ci viene fatto notare. Carol Trevis ed Elliot Aronson, entrambi psicologi, hanno studiato questi comportamenti e cercato di dare una spiegazione del meccanismo attraverso il libro Mistakes were made (not by me).

I due autori raccontano la storia di un gruppo di persone fortemente convinto di una profezia: la fine del mondo sarebbe arrivata in un preciso giorno, il 20 dicembre di un determinato anno.

Gli adepti si prepararono alla fine del mondo, ma quando questa non arrivò, dovettero darsi un’altra spiegazione. E così si dissero: “Dio ha deciso di risparmiarci”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Ti potrebbe interessare
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid
Esteri / “Senza pace non c’è calcio”: in Colombia la protesta contro il governo arriva fuori dagli stadi