Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Pentagono ha presentato all’amministrazione Trump le opzioni militari per la Siria

Immagine di copertina

Sono state presentate a Trump “molte opzioni”. Il segretario di Stato Rex Tillerson ha detto che si sta valutando una risposta adeguata all'attacco chimico di Idlib

Il Pentagono ha presentato le opzioni militari per la Siria alla Casa Bianca. Lo afferma un esponente dell’amministrazione statunitense. A Trump, secondo quanto riferito poi dal portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, sono state presentate “molte opzioni”. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Secondo l’agenzia di stampa Reuters il Pentagono e la Casa Bianca stanno affrontando una discussione dettagliata sull’opzione militare per rispondere all’attacco chimico avvenuto in Siria, nella provincia di Idlib, e per cui Washington ha accusato il regime siriano. Nessuna decisione è stata ancora presa, secondo quanto sottolineato da un ufficiale.

Il segretario per la Difesa Jim Mattis discuterà probabilmente queste opzioni con il presidente Donald Trump durante un incontro a Mar-a-Lago, in Florida, secondo quanto dichiarato da un ufficiale che ha preferito rimanere anonimo. Mattis dovrebbe recarsi in Florida nel pomeriggio di giovedì 6 aprile.

Discussioni sulla potenziale risposta sono già in corso. Tra queste, anche quella tra Mattis e il consigliere della Casa Bianca per la Sicurezza nazionale McMaster.

La Casa Bianca ha fatto sapere che Trump ha parlato con alcuni leader per valutare l’ipotesi di istituire una “safe zone” in Siria. Il presidente degli Stati Uniti non ha parlato invece delle opzioni militari con i parlamentari e non ha discusso degli attacchi in Siria con il presidente russo Putin.

Il segretario di Stato Rex Tillerson ha parlato telefonicamente con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov mercoledì 5 aprile. I due hanno discusso dell’attacco chimico avvenuto nella provincia di Idlib. Tillerson ha detto che sta valutando una risposta appropriata a quanto avvenuto in Siria.

“Non ci sono dubbi” sul fatto che il regime di Assad è responsabile per l’attacco chimico di Idlib, ha poi affermato Tillerson, sottolineando come l’attacco richiede una “risposta seria”.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Esteri / Ucraina, uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba: arrestato
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson