Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 23:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il partito conservatore è in leggero vantaggio nelle elezioni in Macedonia

Immagine di copertina

I sostenitori di entrambi i partiti rivendicano la vittoria nel voto popolare, che ha posto fine allo stallo politico iniziato a gennaio 2015

Il partito conservatore ha un leggero vantaggio sulla coalizione di centrosinistra alle elezioni legislative che si sono svolte domenica 11 dicembre 2016 in Macedonia. 

Il Partito democratico per l’unità macedone, formazione di destra del primo ministro Nikola Gruevski, ha ottenuto il 37,94 per cento dei voti. Il suo principale avversario, l’Unione socialdemocratica di Macedonia, guidato dal leader dell’opposizione di centro sinistra Zoran Zaev, ha raccolto il 36,63 delle preferenze. 

Le elezioni erano state convocate per mettere fine a uno stallo che da inizio 2015 paralizza il paese, e sono state rese possibili da un accordo raggiunto tra le quattro principali forze politiche con la mediazione dell’Unione europea.

I sostenitori di entrambi i partiti hanno rivendicato la vittoria alle elezioni, che hanno registrato un’affluenza record del 67 per cento nel piccolo paese di due milioni di abitanti, nato nel 1991 dopo la disgregazione della Yugoslavia. 

La commissione elettorale non ha ancora pubblicato la proiezione di come i 123 seggi del parlamento saranno divisi tra i partiti, ma sicuramente nessuno dei due avrà la maggioranza sufficiente per governare.

Il partito che rappresenta la numerosa minoranza albanese nel paese, l’Unione democratica per l’integrazione, guidato dall’ex guerrigliero Ali Ahmeti e in passato alleato di Gruevski, ha ottenuto il 7,33 per cento dei voti.  

A generare la crisi era stato nel gennaio 2015 lo scandalo delle intercettazioni. L’opposizione aveva accusato Gruevski, al potere da dieci anni, di aver tenuto sotto controllo le conversazioni telefoniche di oltre 20mila persone, tra politici, magistrati, diplomatici stranieri, esponenti religiosi, giornalisti. 

La notizia aveva causato manifestazioni di massa; Gruevski aveva accettato di dimettersi e di convocare nuove elezioni, seppur rigettando le accuse mossegli dall’opposizione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Esteri / L’aereo Ita non risponde al centro radar: allarme nei cieli della Francia
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”. Putin a Macron e Scholz: “Pronti al dialogo con Kiev”. L’Ue valuta missione navale per trasportare il grano ucraino
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX