Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gaza, rapper di 11 anni racconta la vita sotto le bombe: “Il primo suono che ho sentito è stato uno sparo”

Gaza, rapper di 11 anni racconta la vita sotto le bombe: “Il primo suono che ho sentito è stato uno sparo”

Abdulrahman Al-Shanti avrà solo 11 anni, ma spara rime alla velocità della luce. Una parola dietro l’altra, fortissime, per raccontare la vita nella Striscia di Gaza, la guerra e le difficolta dell’enclave palestinese. Al-Shanti rappa in inglese, ha imparato ascoltando grandi voci come Tupac Shakur, Eminem – il suo preferito – e Dj Khaled. A differenza loro però non indossa tute sgargianti e vistose catene d’oro ma l’uniforme della scuola media che frequenta: camicia azzurra e pantaloncini blu. Si considera il “messaggero di Gaza“, dal titolo di una sua canzone.

“Sono qui per dirvi che la nostra esistenza è dura. Abbiamo le strade distrutte e le bombe nei cortili. Il primo suono che ho sentito è stato uno sparo. Con il mio primo respiro ho assaggiato la polvere da sparo”. Rime dure, parole che fanno ancora più male se a cantarle è un ragazzino di appena 11 anni. Con le sue canzoni Al-Shanti vuole portare “un messaggio di pace e umanità” ma anche far conoscere al mondo la situazione in cui Gaza e i palestinesi vivono dal 2007, dopo l’imposizione del paralizzante blocco israeliano sul territorio.

Nel video caricato su YouTube che ha fatto il giro del web, ed è stato condiviso anche dal popolare rapper britannico Lowkey, si vede Al-Shanti che rappa fuori dalla sua scuola media, a Gaza City, circondato dai compagni di classe. Sebbene l’arabo sia la sua prima lingua, Al-Shanti fa rap in un inglese fluente e senza accento: “un’abilità – dice – che ho affinato ascoltando i rapper americani”.

In questi giorni la situazione a Gaza è davvero difficile: le case sono senza luce in quanto il governo di Netanyahu ha deciso di ridurre ulteriormente la quota di carburante nel Paese per indurre i capi di Hamas a riportare l’ordine al confine dove i miliziani hanno ripreso a lanciare palloncini e aquiloni a cui vengono attaccate bombe incendiarie. Le poche scorte di gasolio rimaste assicurano quattro ore di elettricità al giorno ai 2 milioni di palestinesi e con il caldo di agosto, la siccità e il vento sono numerosissimi gli incendi che rischiano di devastare i villaggi di questa terra dilaniata dalla guerra e stretta tra Israele, l’Egitto e il mar Mediterraneo.

Leggi anche: 1. Israele sotto shock: sedicenne violentata da 30 uomini. Manifestazioni di sdegno e solidarietà nei confronti della vittima in tutto il Paese/2. Scontri a Gaza, il video shock di un palestinese ucciso e trascinato da una ruspa israeliana/3.“Non esistono arabi gay”: in Israele polemica per la legge sull’orientamento sessuale

Ti potrebbe interessare
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Esteri / Proteste in Iran, Ong: “Uccise 92 persone”. Manifestanti rinchiusi nella Sharif University dalla polizia
Esteri / Brasile: Lula e Bolsonaro al ballottaggio il 30 ottobre. L’ex presidente al 48,3%, la destra al 43,7%
Esteri / La Nato avverte Mosca: “Se Putin usa armi nucleari, conseguenze serie”
Esteri / Brasile al voto, resa dei conti tra Lula e Bolsonaro: l’ex sindacalista punta alla vittoria al primo turno
Esteri / Nato in allerta: Mosca pronta a testare il super-siluro che può provocare uno tsunami radioattivo