Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Oms dice no ai certificati di vaccinazione obbligatori: “Non è sicuro che il vaccino fermi la trasmissione”

Immagine di copertina
Vaccini Covid Credits: ANSA

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ribadisce il suo rifiuto rispetto al certificato di vaccino obbligatorio. Il motivo? “L’incertezza sul fatto che le vaccinazioni impediranno la trasmissione del virus”, afferma oggi – 6 aprile – la portavoce dell’Oms Margaret Harris.

I dubbi che si pone l’Oms non significano però una sfiducia nel vaccino e nella sua efficacia. Se mai l’incertezza riguardano i dati sulle varianti e sul contagio nei prossimi mesi di pandemia. Anzi, l’Oms sta facendo uno sforzo per un’eguaglianza sul piano sanitario e ha chiesto un maggiore sforzo alle nazioni più ricche per finanziare Covax, il progetto solidale che finora ha portato 33 milioni di dosi in 74 nazioni delle periferie geopolitiche del pianeta. “È una sfida urgente”, ha detto il direttore, Tedros Adhanon Ghebreyesus.

Già a gennaio scorso, durante la sesta riunione del Comitato di emergenza del regolamento sanitario internazionale sulla pandemia della malattia da Coronavirus, si era discussa la necessità o meno di introdurre una certificazione di avvenuta vaccinazione contro il Covid.

All’interno del documento prodotto in quell’occasione, l’Oms riconosce che é di fatto in essere una “presentazione ritardata dei dati sui vaccini da parte di alcuni produttori”. Ma non solo, perché l’Oms addirittura scrive che “il Comitato incoraggia vivamente i produttori a fornire i dati il più rapidamente possibile”.

Leggi anche: 1. Zona rossa e arancione: scuola, spostamenti, viaggi. Tutte le regole in vigore da oggi; // 2. Visco: “Il ritmo irregolare delle vaccinazioni è la più grande minaccia alla ripresa globale”; // 3. Pressing delle Regioni sul Governo per le riaperture: “Possibili dal 20 aprile se dati migliorano”; // 4. Viaggi all’estero, stretta prorogata fino al 30 aprile: regole e lista dei Paesi

Ti potrebbe interessare
Esteri / La tregua a Gaza è più lontana. Hezbollah: “Soldati israeliani tentano infiltrazione in Libano”. Hamas: “Non sappiamo quanti sono gli ostaggi ancora vivi”
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Ti potrebbe interessare
Esteri / La tregua a Gaza è più lontana. Hezbollah: “Soldati israeliani tentano infiltrazione in Libano”. Hamas: “Non sappiamo quanti sono gli ostaggi ancora vivi”
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"