Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Oklahoma, il Parlamento approva un disegno di legge che vieta l’aborto in qualsiasi momento della gravidanza

Immagine di copertina

Il parlamento dell’Oklahoma, controllato dai repubblicani, ha approvato un disegno di legge che vieta l’aborto in qualsiasi momento della gravidanza, tranne per salvare la vita della madre incinta in una emergenza medica. I trasgressori possono essere puniti con una multa sino a 100mila dollari o sino a 10 anni di galera o con entrambe le misure. Se il governatore repubblicano Kevin Stitt, che alcuni mesi fa aveva promesso che avrebbe approvato “qualsiasi legge sul diritto alla vita fosse finita sulla (sua) scrivania”, firmerà il provvedimento, la legge entrerà in vigore il 26 agosto.

La misura è particolarmente restrittiva in materia se si considera che negli altri Stati che hanno approvato leggi simili negli ultimi  mesi, come il Texas e la Florida, l’aborto è legale sino rispettivamente alla sesta e alla quindicesima settimana di gravidanza. Nello stato del Midwest invece non si potrà abortire quasi mai. Una decisione che ha provocato le proteste dei gruppi di attivisti contrari al provvedimento stanno protestando non solo per la misura in sì, ma anche perché, se approvata, potrebbe causare problemi anche alle donne del vicino Texas, che fino ad ora ricorrevano ai medici dell’Oklahoma per abortire dopo la sesta settimana.

Nel frattempo la Corte Suprema americana sta discutendo della legittimità della legge del Mississippi sull’aborto, che vieta l’interruzione di gravidanza dopo 15 settimane nella maggior parte dei casi, considerata il caso più importante sul tema degli ultimi decenni: se confermata, infatti, potrebbe minacciare una sentenza storica, che dal 1973 garantisce l’accesso all’interruzione di gravidanza a livello federale. Dalle prime discussioni la Corte, a maggioranza di giudici conservatori, sembrerebbe intenzionata a riconoscere la legittimità della legge del Mississippi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore