Covid ultime 24h
casi 18.938
deceduti +718
tamponi +362.973
terapie intensive -60

Per rilanciare l’economia la premier neozelandese aumenta il salario minimo e le tasse per i ricchi

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 1 Apr. 2021 alle 09:54
1.4k
Immagine di copertina
Jacinda Ardern, premier della Nuova Zelanda dal 2017. Credit: Facebook

La Nuova Zelanda alza il salario minimo e aumenta le tasse per i ricchi

Il governo guidato dalla premier Jacinda Ardern torna a far parlare di sé per le sue politiche economiche progressiste: in Nuova Zelanda, infatti, a partire da giovedì 1 aprile viene aumentato il salario minimo e aumentate le tasse ai più ricchi.

Le misure, decise per contrastare le disuguaglianze e rilanciare l’economia colpita dalla pandemia, prevedono l’aumento del salario minimo, che passa da 18,90 a 20 dollari neozelandesi (circa 12 euro) l’ora, e piccoli aumenti delle indennità di disoccupazione e malattia.

Secondo le stime dell’esecutivo, la misura interesserà 175.500 lavoratori per una spesa per le casse dello Stato di 129 milioni di euro.

Contemporaneamente, però, aumenteranno le tasse per i più ricchi: una misura che dovrebbe permettere allo Stato di incassare 327 milioni di euro circa.

Per tutti coloro che guadagnano più di 180mila dollari locali all’anno, ovvero 107mila euro, l’aliquota aumenterà dal 33 al 39% con la misura che dovrebbe interessare circa il 2 per cento dei contribuenti neozelandesi.

Leggi anche: 1. Nuova Zelanda, assorbenti gratis in tutte le scuole da giugno: è il secondo Paese al mondo / 2. Settimana lavorativa di 4 giorni: così la premier della Nuova Zelanda vuole far ripartire l’economia e il turismo dopo l’epidemia di Coronavirus

1.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.