Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un tribunale ha impedito a una coppia di genitori di chiamare il figlio Fañch

Immagine di copertina

Un tribunale francese ha impedito a una coppia di dare al loro bambino un nome contentente la tilde (~), ovvero il grafema che appartiene, tra gli altri, ai sistemi ortografici del portoghese, del castigliano e del greco. 

L’11 maggio scorso, pochi giorni dopo la nascita di un bambino a Rosporden, nel dipartimento del Finistère, in Bretagna, l’anagrafe si era rifiutata di convalidare il nome scelto dai genitori, Fañch appunto, con la ‘n’ tilde.

A bloccare definitivamente tale scelta, dopo quattro mesi di battaglia giudiziaria, è stato il tribunale di Quimper, in Bretagna. I genitori sono stati informati della decisione del giudice via mail.

Una circolare del 23 luglio 2014 relativa allo stato civile elenca infatti i segni diacritici autorizzati dall’amministrazione francese e la ‘ñ’ non risulta tra questi.

In un primo tempo il funzionario aveva cambiato idea e concesso la convalida del nome, che per questa ragione ora risulta anche sulla carta d’identità e sul passaporto.

Ma sulla vicenda è poi intervenuto la corte della Bretagna che ha dato ufficialmente lo stop.

Fañch è un nome bretone, portato anche da due due importanti scrittori locali: Fañch Peru e Fañch Broudig. Il bretone infatti è una lingua differente dal francese sotto molti aspetti, a partire dall’avere un origine celtica anziché latina. Per questa ragione sono presenti diversi grafemi che non si trovano con tale frequenza nel francese.

In ogni caso Jean-Christophe Bernard, padre del bambino al centro del contenzioso, ha annunciato via Twitter che non si rassegnerà a questa decisione .

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Pallone “spia” cinese diventa un caso: il segretario di Stato Usa Blinken rinvia il viaggio a Pechino
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Pallone “spia” cinese diventa un caso: il segretario di Stato Usa Blinken rinvia il viaggio a Pechino
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento
Esteri / È morto lo stilista spagnolo Paco Rabanne: aveva 88 anni
Esteri / Putin e la velata minaccia nucleare: “Chi pensa di vincere contro di noi si sbaglia. Non useremo solo mezzi blindati”
Esteri / Ucraina, nascondeva un milione di dollari nel divano letto: ex viceministro della Difesa indagato
Esteri / Pallone spia cinese avvistato in spazio aereo Usa
Esteri / Ragazza di 18 anni trovata morta in un bosco: era scomparsa dopo aver litigato con un uomo
Esteri / Tel Aviv, genitori abbandonano neonato al check-in dell’aeroporto perché non avevano il suo biglietto
Esteri / Singapore, uomo fa causa a una donna perché non vuole uscire con lui: “Mi ha rovinato la reputazione”