Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nigeria, centinaia di studenti liberati dopo il sequestro di massa in un liceo rivendicato da Boko Haram

Immagine di copertina
Alcuni degli studenti rapiti e poi liberati in Nigeria. Credit: . EPA/STRINGER

Oltre 300 studenti rapiti nel Nord-Ovest del Paese torneranno dalle loro famiglie. Ma non è ancora chiaro se altri giovani siano rimasti nelle mani dei sequestratori

Centinaia di studenti sono stati liberati ieri sera nel Nord-Ovest della Nigeria, dopo essere stati rapiti la scorsa settimana in un sequestro messo in atto in un liceo da banditi locali e rivendicato dal gruppo jihadista di Boko Haram. “Gli studenti rapiti dalla Kankara State Boys High School sono stati salvati, il governo dello Stato di Katsina ha confermato la notizia”, ​​ha riferito su Twitter Bashir Ahmaad, assistente personale del presidente Muhammadu Buhari.

Secondo il governatore dello Stato nigeriano di Kankara, Aminu Masari, i ragazzi sono stati salvati in una foresta. Gli studenti liberati sono 344, secondo Ibrahim Katsina, un consigliere del governatore locale, ma resta ancora incerto il numero totale degli studenti sequestrati. Alcuni funzionari hanno parlato di 320, altri di 333 mentre secondo fonti locali a Kankara i giovani rapiti sarebbero oltre 500. Stamattina i ragazzi sono arrivati a Katsina, dove aspettano di ricongiungersi ai loro familiari.

Il governo di Katsina nega che sia stato pagato un riscatto, ma i rapidi negoziati e la fiducia dei funzionari governativi indicano che sono intercorsi rapporti tra le autorità e la complicata rete di bande criminali per ottenere il rilascio degli studenti.

Sempre nella giornata di ieri, Boko Haram aveva diffuso un video che mostrava decine di giovani, sostenendo che si trattasse degli studenti sequestrati. Nel filmato uno di loro, con il viso coperto di polvere, spiegava di fare parte dei 520 giovani rapiti dalla “banda di Shekau“, storico leader del gruppo terrorista islamico, responsabile anche del sequestro di oltre 200 studentesse di Chibok nel 2014.

Leggi anche: 1. L’ultimo attacco di Boko Haram ci ricorda che l’Africa è il nuovo fronte del jihadismo (di S. Mentana) /2.  Noi studentesse di Chibok salve per miracolo quella notte in cui Boko Haram rapì le nostre amiche /3. Nigeria, attacco jihadista in un villaggio: almeno 110 morti /4. Esclusiva TPI – La storia di Emeka, sopravvissuto alla carestia durante la guerra civile in Nigeria. La quinta puntata del podcast “Children of War” | PODCAST

Ti potrebbe interessare
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati
Esteri / Ungheria, Orban sfida l'Ue: "Un referendum sulla legge anti-Lgbtq"
Esteri / Jeff Bezos ringrazia i dipendenti e i clienti Amazon: “Avete pagato il mio volo nello spazio”
Esteri / C'è anche Macron nella lista dei probabili spiati col software Pegasus